Lunedì, 27 maggio 2024 - ore 21.30

GERMANIA: IL PAREGGIO IN BASSA SASSONIA PREMIA DI POCO LA SINISTRA

| Scritto da Redazione
GERMANIA: IL PAREGGIO IN BASSA SASSONIA PREMIA DI POCO LA SINISTRA

La coalizione di SocialDemocratici e Verdi supera di un seggio lo schieramento di centrodestra dei Cristiano Democratici e dei Liberali. Il nuovo Primo Ministro del quarto Laender della Germania, Stephan Weil, lancia la rincorsa per contendere la cancelleria ad Angela Merkel, ancora forte nei sondaggi.

 

Un solo seggio nel quarto Laender di Germania potrebbe comportare cambiamenti nella politica interna tedesca in vista delle elezioni legislative federali dell'autunno 2013.

 

Nella giornata di Domenica, 20 Gennaio, nelle elezioni statali della Bassa Sassonia, la coalizione di sinistra ha vinto sullo schieramento governativo di centrodestra per 69 seggi a 68.

 

A consentire la vittoria dell'opposizione è stato il secondo posto del Partito SocialDemocratico - SPD - con il 32,6% dei consensi, e dei Verdi, terzi con il 13,7% dei voti.

 

Al centrodestra non è bastata la conferma al primo posto dei Cristiano Democratici della CDU: la forza politica più votata con il 36% dei consensi. Troppo basso è stato infatti il risultato dei Liberali - FDP - che hanno raggiunto appena il 9% dei voti.

 

Nonostante la risibile maggioranza, il candidato alla guida del Governo della Bassa Sassonia, il SocialDemocratico Stephan Weil - l'attuale sindaco di Hannover - ha dichiarato la volontà di varare comunque un governo di coalizione con i Verdi per avvantaggiare la sinistra a livello nazionale.

 

A motivare il nuovo Primo Ministro della Bassa Sassonia è l'importante risultato ottenuto dalla coalizione di sinistra nonostante lo sfavore dei sondaggi, che hanno dato fino all'ultimo come molto probabile la riconferma alla guida del governo della Bassa Sassonia l'uscente Cristiano Democratico David McAllister.

 

Similmente alla Bassa Sassonia, anche in vista delle elezioni federali il Cancelliere tedesco, la Cristiano Democratica Angela Merkel, è data avanti nei sondaggi rispetto alla coalizione dei SocialDemocratici e dei Verdi.

 

Anche a livello federale, a porre un'incognita per la riconferma della Merkel è il risultato dei Liberali, che, in caso di mancato superamento del 15%, potrebbero non garantire alla CDU i seggi necessari per varare un governo di centrodestra, aprendo ad una possibile nuova Grosse Koalition tra Cristiano Democratici e SocialDemocratici, oppure ad un governo rosso-verde di sinistra.

 

A favorire l'ipotesi di una Grosse Koalition tra CDU ed SPD è anche la composizione del prossimo Bundesrat: la Camera Bassa del Parlamento tedesco formata da rappresentanti dei Laender.

 

Con la vittoria in Bassa Sassonia, la sinistra ha incrementato il numero degli Stati tedeschi governati, e, così, ha aumentato il numero dei seggi sicuri posseduti in Parlamento, anche in caso di vittoria dei Cristiano Democratici.

 

Consapevole della situazione politica nazionale è il candidato Cancelliere della SPD, Peer Steinbruck, che ha commentato l'esito del voto in Bassa Sassonia come un buon segnale in vista delle elezioni federali.

 

A raffreddare gli entusiasmi della coalizione rosso-verde è però l'alto consenso che il Cancelliere Angela Merkel ancora gode a livello nazionale: come riportato dal Financial Times, la personalità della Merkel consente oggi alla CDU un vantaggio di 17 punti percentuali sulla SPD.

 

Più che l'appeal dei SocialDemocratici - mai in salita in Germania negli ultimi anni - ad insidiare i Cristiano Democratici potrebbe però essere il risultato dei Verdi.

 

Se confermato il dato della Bassa Sassonia, essi scavalcherebbero i Liberali al terzo posto della graduatoria dei partiti più votati, e si attesterebbero come ago della bilancia per la formazione di una nuova coalizione di Governo.

 

Matteo Cazzulani

Welfare Network

1082 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria