Lunedì, 17 giugno 2024 - ore 10.06

Gussola Ricordiamo Carlo Comaschi ucciso 100 anni or sono |Giuseppe Azzoni

Gussola ci si accinge a ricordare il centesimo anniversario della morte di Carlo Comaschi, vittima illustre dello squadrismo cremonese

| Scritto da Redazione
Gussola Ricordiamo Carlo Comaschi ucciso 100 anni or sono |Giuseppe Azzoni Gussola Ricordiamo Carlo Comaschi ucciso 100 anni or sono |Giuseppe Azzoni Gussola Ricordiamo Carlo Comaschi ucciso 100 anni or sono |Giuseppe Azzoni

Gussola Ricordiamo Carlo Comaschi ucciso 100 anni or sono |Giuseppe Azzoni

Egregio direttore a Gussola ci si accinge a ricordare il centesimo anniversario della morte di Carlo Comaschi, vittima illustre dello squadrismo cremonese dopo Ferruccio Ghinaglia, Attilio Boldori e tanti altri.

Carlo Comaschi era nato a Gussola nel novembre 1878, figlio del veterinario del paese aveva potuto studiare fino al Ginnasio e diventò poi dipendente del Comune di Gussola.

Già da studente era stato qualificato da Questura e Carabinieri come «sovversivo» per essersi espresso contro le ingiustizie sociali poi contro la guerra e contro il nascente fascismo. Dopo un periodo di adesione alle idee anarchiche era diventato socialista capeggiando la Sezione socialista locale. Aveva subito punizioni, censure e qualche arresto per propaganda sovversiva e scioperi anche di tipo politico come quello nazionale del 1919 contro l'intervento straniero in Russia. Scriveva per l'Eco del popolo, per l'Avanti, per il foglio della Camera del Lavoro di Parma L'Internazionale.

Nel 1921 non aveva aderito alla scissione comunista che c'era stata anche nella sua Sezione. Aveva aperto una scuola serale popolare. Fu partecipe di organi del partito anche di livello nazionale. A fine dicembre 1922 era al lavoro in Comune, due squadristi di Martignana si presentarono nel suo ufficio con un pretesto e lo aggredirono colpendolo alla testa a martellate. Ricoverato all'ospedale di Cremona vi spirò il successivo 17 marzo 1923.

Anche in questo caso gli assassini non pagarono per il loro delitto, la morte fu incredibilmente derubricata come causata da incidente. Mussolini era già al governo. A Carlo Comaschi è intitolata la piazza di Gussola. La locale sezione del Psi pubblicò un opuscolo negli anni '70 con le sue note biografiche ed alcuni documenti a cura di Giovanni Magni e Giovanni Mantovani. È intitolato «Carlo Comaschi un monito un esempio» e me ne sono avvalso per questo breve ricordo.

Giuseppe Azzoni per Anpi Gussola e provinciale

829 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online