Venerdì, 14 dicembre 2018 - ore 08.49

Il Giardino dei Ciliegi con Lodo Guenzi al Teatro Comunale di Casalmaggiore

Inaugura sabato 17 novembre alle h. 21 la Stagione teatrale a Casalmaggiore, con Il giardino dei ciliegi, che vede nel cast Lodovico Guenzi de Lo Stato Sociale.

| Scritto da Redazione
Il Giardino dei Ciliegi con Lodo Guenzi al Teatro Comunale di Casalmaggiore

Casalmaggiore, 15 novembre 2018 - Dopo la prima assoluta del musical Kiss me, Kate di stasera, giovedì 15 novembre, la Stagione Teatrale del Teatro Comunale di Casalmaggiore inaugurerà sabato 17 novembre alle ore 21 con lo spettacolo “Il giardino dei ciliegi. Trent’anni di felicità in comodato d’uso” della compagnia bolognese Kepler-452, con la regia di Nicola Borghesi (giovane rivelazione del teatro italiano), una produzione Emilia Romagna Teatro Fondazione, che vede nel cast Annalisa e Giuliano BianchiPaola AielloNicola Borghesi e Lodovico Guenzi (il noto cantante de Lo Stato Sociale, ora anche giudice di X Factor).

Come nei precedenti spettacoli, il regista Nicola Borghesi punta a coinvolgere anche un pubblico non strettamente teatrale. A tal fine, non solo fonde realtà, biografia e finzione scenica, ma si avvale di attori non professionisti, persone comuni, voci ordinarie per storie “extra-ordinarie”. Il giardino dei ciliegi. Trent’anni di felicità in comodato d’uso vuole essere un’indagine su dove oggi si sia posata la dialettica tra illuminismo e magia, tra legge e natura, e su dove ci troviamo noi.

«Tra i moltissimi incontri che abbiamo fatto nel corso della nostra indagine – racconta la compagnia Kepler-452− ce ne è stato uno che ha cambiato definitivamente il corso delle prove e, inaspettatamente, delle nostre vite: quello con Giuliano e Annalisa Bianchi, che per trent’anni hanno vissuto in una casa colonica concessa in comodato d’uso gratuito dal Comune nella periferia di Bologna. Giuliano e Annalisa Bianchi per trent’anni si sono occupati di due attività principali: il controllo della popolazione dei piccioni e l’accoglienza di animali esotici o pericolosi. Si attiva così un ménage strano, marginale, meraviglioso: convivono in casa Bianchi babbuini, carcerati ex 41-bis in borsa lavoro, una famiglia rom ospite, boa constrictor. Trent’anni, come ci dicono Giuliano e Annalisa, di pura felicità».

Finché nel 2015 con l’avvicinarsi del momento dell’apertura, proprio di fronte al loro giardino dei ciliegi, di un grande parco a tema agroalimentare, i Bianchi ricevono un avviso di sfratto. La magia di questo contemporaneo Giardino dei ciliegi - gli animali, le relazioni, gli affetti - cessa improvvisamente di esistere in una mattinata di settembre. Una storia così lontana nel tempo e nello spazio da quella di Gaev e Ljuba di Cechov eppure così simile nella sua essenza.

Nicola, Paola ed Enrico hanno trascorso molto tempo con i Bianchi, cercando di capire che cosa fosse successo e quale fosse la loro posizione rispetto alla vicenda che li ha travolti, provando a innamorarsi senza perdere la lucidità. Dopo un lungo corteggiamento sono riusciti a convincerli ad andare in scena, a vestire i panni di Ljuba e Gaev e a raccontare, insieme agli attori, la storia dello sgombero e del loro incontro.

Per maggiori informazioni e prenotazioni biglietti, contattate il Centro Servizi al Cittadino al numero 0375 284496 (dal lunedì al sabato dalle ore 8.30-12.30) o alla mail  - csc@comune.casalmaggiore.cr.it 

Redazione Welfare Network - info@welfarenetwork.it

 

380 visite

Articoli della stessa categoria

Gussola VIA MADONNINA E NON SOLO …,  rendiconto amministrativo anni 1970-75 di Sante Gerelli

Gussola VIA MADONNINA E NON SOLO …, rendiconto amministrativo anni 1970-75 di Sante Gerelli

Egregio Direttore,In questi giorni stavo sistemando dei documenti mi balzò all’occhio un pieghevole Rendiconto Amministrativo ai cittadini 1970-75.Come spesso accade la curiosità mi coinvolse , iniziandolo a leggere notai il grosso impegno in quegli anni verso il problema ambientale , assieme alle tante idee e realizzazioni a favore dei cittadini di Gussola. Mi ha colpito il tema ambientale perché si parlava dell’acquisto degli alberi di via Madonnina, ( quegli alberi che ora sono a rischio taglio per far posto alla ciclabile) , era l’anno 1