Lunedì, 01 giugno 2020 - ore 20.30

Il Pil dell'Italia crollerà del 9,1% nel 2020

Il Mondo è in recessione

| Scritto da Redazione
Il Pil dell'Italia crollerà del 9,1% nel 2020

Il Fondo Monetario Internazionale ha diffuso oggi le prime previsioni dell'effetto della pandemia di coronavirus COVID-19 sull'economia del Mondo, ipotizzando una contrazione per il 2020 del 3%, molto più della crisi finanziaria del 2008/2009. A gennaio 2020, prima dello scoppio della pandemia, FMI stimava una crescita mondiale del 3,3%. Ora, invece, si stima un calo del 3% e non si esclude che la realtà possa essere peggiore delle stime:

Dati molto peggiori sono possibili e forse probabili.

L'economia mondiale entra quindi in recessione con una perdita stimata di 9mila miliardi di dollari, vale a dire, precisano dal Fondo Monetario Internazionale, una perdita "più grande delle economie di Giappone e Germania insieme".

A scendere sarà il Pil pro-capite di 170 Paesi del Mondo, con l'Italia che risulta essere tra i Paesi già colpiti con una contrazione del 9,1% e un rimbalzo del 4,8% previsto per il 2021. Peggio dell'Italia, in Europa, c'è solo la Grecia con una contrazione stimata di oltre il 10%. Per la Germania, invece, si prevede una contrazione del 7% e un rimbalzo del 5,2% per il 2021.

Il Pil dell'Eurozona potrebbe scendere di 7,5 punti percentuale con una ripresa stimata del 4,7% nel 2021. Proprio per questo FMI raccomanda interventi mirati a sostegno dei Paesi UE più colpiti, così da ridurre il più possibile il calo.

Tra i Paesi meno colpiti, invece, c'è la Cina. FMI stima una crescita dell'1,2% per il 2020 e del 9,2% per il 2021. Discorso simile per l'India, che potrebbe crescere dell'1,2% nel 2020 e del 7,4% nel 2021.

Il direttore generale del Fondo Monetario Internazionale Kristalina Georgieva ha parlato della recessione più severa dalla Grande Depressione del 1929.

219 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria