Giovedì, 14 novembre 2019 - ore 09.38

Impugnazione dei contratti a termine.

| Scritto da Redazione
Impugnazione dei contratti a termine.

Impugnazione dei contratti a termine. Come ormai noto, dal 24 Novembre è entrato in vigore il “collegato Lavoro”, in attuazione della legge 4 novembre 2010, n. 183. La sopra citata norma introduce, all’articolo 32, importanti novità in tema di ‘ Decadenze e disposizioni in materia di contratto di lavoro a tempo determinato’.
All’interno di tale disposizione è anzitutto previsto che i contratti a termine devono essere impugnati entro 60 giorni dalla loro scadenza, a pena di decadenza da ogni possibile azione giudiziaria. Il problema si pone in quanto tale disposizione non solo vale per i contratti in scadenza dopo in novembre 2010, ma anche per i passati.
Ciò, in sostanza, significa che entro 60 giorni dall’entrata in vigore del collegato lavoro tutti i contratti a termine, anche già scaduti, devono essere impugnati. Il termine, dunque, è il 23 di gennaio!
La Cgil ha messo a disposizione tutte le proprie strutture al fine di poter impugnare i contratti a termine: tale impugnazione potrà farsi anche presso gli sportelli Nidil Cgil di Cremona e Crema entro e non oltre sabato 22 gennaio.
Ad ogni modo, i legali della Cgil stanno già avviando le procedure al fine di chiedere alla Corte Costuzionale che le disposizioni sopra descritte vengano dichiarate incostituzionali, in quanto in violazione del diritto di difesa del lavoratore.

Fonte Nidil Cgil Cremona

2308 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria