Sabato, 06 giugno 2020 - ore 13.59

Inps e Boeri. Pensioni: l'alibi dei vitalizi. L'obiettivo sono milioni di pensioni retributive

Vale 254 miliardi di lire e una riduzione del 30-40% portera' nelle casse dello Stato, come minore spesa, qualcosa come 76–100 miliardi di euro.

| Scritto da Redazione
Inps e  Boeri. Pensioni: l'alibi dei vitalizi. L'obiettivo sono milioni di pensioni retributive

L'obiettivo e' chiaro: intaccare il sistema pensionistico retributivo. Una manna per l'Inps ma un salasso definitivo per i pensionati! Per anni, invece,  abbiamo sentito discettare, nei media,  di  vitalizi. Fumo negli occhi. Anche a voler abolire interamente i vitalizi, cio' comporterebbe un aumento delle pensioni povere di mezzo euro al mese. Il primo obiettivo e', ora, quello di aggredire le pensione dei "ricchi" (250 mila persone) per darle ai "poveri". Cosi' viene presentata la proposta del presidente dell'Inps, Tito Boeri, ma basta fare un po' di calcoli per scoprire che il prelievo sulle pensioni "ricche" non basterebbe a compensare le ulteriori spese per i beneficiari. Allora si passera' all'obiettivo vero: le pensioni retributive, che interessano il 90% dei pensionati e milioni  di voti. Di qui la fr  enata del Governo, infatti, e' lo stesso ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale, Giuliano Poletti,  che si scopre dichiarando che il piano Boeri "mette le mani nel portafoglio a milioni di pensionati", quindi non solo ai 250 mila "pensionati d'oro"! Vedremo cosa fara' il Governo il prossimo anno, certo e' i 76-100 miliardi da recuperare dalle pensioni sono appetitosi, altro che il fumo dei vitalizi, l'arrosto e' nelle pensioni retributive. Chissa' se i media lo capiranno.

Primo Mastrantoni, segretario Aduc

946 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria

In pensione con i requisiti bloccati sino al 2022

In pensione con i requisiti bloccati sino al 2022

L’Inps interviene sul “blocco” a tutto il 2022 della cosiddetta “speranza di vita” e spiega che l’età si vecchiaia si ferma a 67 anni. Mentre il pensionamento anticipato a favore dei “precoci” resta fissato a 41 anni di contribuzione, indipendentemente dall’età anagrafica. In pensione con i requisiti bloccati sino al 2022 L’Inps interviene sul “blocco” a tutto il 2022 della cosiddetta “speranza di vita” e spiega che l’età si vecchiaia si ferma a 67 anni. Mentre il pensionamento anticipato a favore dei “precoci” resta fissato a 41 anni di contribuzione, indipendentemente dall’età anagrafica.