Venerdì, 24 gennaio 2020 - ore 05.56

Interrogazione parlamentare di GIACHETTI ROBERTO su carcere di Cremona | Sergio Ravelli

CARCERE DI CREMONA, UNA SITUAZIONE SANITARIA PREOCCUPANTE: 218 DETENUTI CON PATOLOGIE DI TIPO PSICHIATRICO E 107 TOSSICODIPENDENTI. INTERROGAZIONE PARLAMENTARE ai MINISTRI della GIUSTIZIA e della SALUTE.

| Scritto da Redazione
Interrogazione parlamentare di GIACHETTI ROBERTO  su carcere di Cremona | Sergio Ravelli

Interrogazione parlamentare di GIACHETTI ROBERTO  su carcere di Cremona | Sergio Ravelli

CARCERE DI CREMONA, UNA SITUAZIONE SANITARIA PREOCCUPANTE: 218 DETENUTI CON PATOLOGIE DI TIPO PSICHIATRICO E 107 TOSSICODIPENDENTI. INTERROGAZIONE PARLAMENTARE ai MINISTRI della GIUSTIZIA e della SALUTE.

La visita alla Casa Circondariale di Cremona effettuata a ferragosto dagli esponenti del Partito Radicale, Gino Ruggeri e Maria Teresa Molaschi, e dall'avvocato della locale Camera Penale Laura Negri, ha evidenziato una situazione peoccupante dal punto di vista sanitario per la presenza di un numero estremamente alto di detenuti con patologie di tipo psichiatrico - 74 psicotici; 48 con disturbo depressivo maggiore, 20 con disturbo borderline, 76 con disturbo di personalità - e di 107 detenuti tossicodipendenti.

L'interrogazione parlamentare presentata il 27 settembre scorso dal deputato Roberto Giachetti chiede ai ministri della Giustizia e della Salute quali iniziative di competenza si intendano adottare per garantire il diritto alla salute dei detenuti e in quale modo intendano intervenire al fine di garantire un adeguato livello di assistenza alla popolazione reclusa.

Cremona, 12.10.2019

Sergio Ravelli, consigliere generale del Partito Radicale

------------------

Segue il testo dell'Interrogazione

INTERROGAZIONE DI GIACHETTI ROBERTO DEL 27/09/2019 AL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA E AL MINISTERO DELLA SALUTE

Per sapere – premesso che:

-dal 15 al 18 agosto 2019 circa 300 persone, tra dirigenti e militanti del Partito Radicale insieme all'Osservatorio delle Camere penali italiane, a diversi parlamentari, ai garanti delle persone private della libertà, hanno visitato 70 istituti penitenziari in 17 regioni;

-al 31 luglio 2019 i detenuti ristretti nelle carceri erano 60.254 per una capienza regolamentare di 50.480 e il personale di ogni livello ridotto nel suo organico;

-dall'inizio dell'anno nelle carceri italiane ci sono stati 29 suicidi;

-la delegazione che ha visitato il carcere di Cremona il 16 agosto era composta da Gino Ruggeri, Segretario Radicali Cremona; Maria Teresa Molaschi, Partito Radicale; Avvocato Laura Maria Rita Negri, Camera penale Cremona;

Nel suddetto carcere:

-i detenuti presenti sono 463 (capienza tollerabile 620) ristretti nei 393 posti regolamentari, di cui 10 sono posti non disponibili; i detenuti stranieri sono 307;

-i detenuti tossicodipendenti sono 107, 10 detenuti sono in terapia metadonica, 14 detenuti sono sieropositivi, 5 detenuti sono affetti da epatite C;

-i detenuti con patologie di tipo psichiatrico sono: 74 psicotici; 48 con disturbo depressivo maggiore, 20 con disturbo borderline, 76 con disturbo di personalità;

-i detenuti con condanna definitiva sono 374;

-i detenuti in attesa di giudizio sono 88: 20 imputati, 22 appellanti e 46 ricorrenti;

-i detenuti lavoranti alle dipendenze dell'amministrazione penitenziaria sono 99; i detenuti lavoranti in carcere per conto di imprese e cooperative sono 2; 1 detenuto «semilibero» lavora alle dipendenze di datori di lavoro esterni;

gli agenti di polizia penitenziaria effettivamente in servizio sono 185, quelli assegnati sono 214 a fronte di una pianta organica che ne prevedrebbe 223;

-gli psicologi effettivamente in servizio sono 2+2 del Sert, la pianta organica prevedrebbe 1+1 del Sert; gli educatori in servizio sono 5 a fronte di una pianta organica di 5 –:

-se i Ministri interrogati siano a conoscenza della situazione descritta in premessa;

-se e in quale modo intendano intervenire al fine di garantire un adeguato livello di assistenza alla popolazione reclusa, in generale nelle carceri italiane e, in particolare, all'istituto penitenziario di carcere di Cremona;

-quali iniziative di competenza si intendano adottare per vigilare affinché venga garantito il diritto alla salute dei detenuti, considerata la presenza di un così alto numero di detenuti con patologie di tipo psichiatrico e di tossicodipendenti;

-se i Ministri interrogati siano a conoscenza del fatto che risultano in aumento i casi di disagi psichici e psichiatrici dei detenuti nelle strutture detentive italiane e che i posti presso le residenze per l'esecuzione delle misure di sicurezza (Rems) sono insufficienti e come intendano affrontare tale situazione.

500 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online