Giovedì, 28 ottobre 2021 - ore 20.58

La foto marine che afferra un bambino passato da una donna afghana

La "guerra giusta", presentata in questi anni da destra come la soluzione dei problemi dell'Afghanistan, si è rivelata la più pericolosa

| Scritto da Redazione
La foto marine che afferra un bambino passato da una donna afghana

La foto del marine che afferra un bambino passato da una donna afghana oltre il filo spinato.

La foto dell'aeroporto di Kabul occupa oggi la prima pagina di tanti giornali. Una foto disperata. L'immagine di una salvezza fra le braccia di un soldato americano. Ma qual è la realtà oltre la propaganda che gli organi di informazione stanno conducendo da venti anni?

PeaceLink, clicca la realtà di una guerra criminale e imperialista di oltre due trilioni di dollari bruciati  senza  sbocchi positivi né per la popolazione né per gli stessi aggressori.

La "guerra giusta", presentata in questi anni da destra come la soluzione dei problemi dell'Afghanistan, si è rivelata la più pericolosa tentazione della storia.

E la più fallimentare. Fallisce anche la sinistra con l'elmetto che rimbrottava i pacifisti che non erano a favore della "guerra giusta". La guerra abbracciata da D'Alema, Napolitano e Prodi è oggi fallita. Fallita definitivamente. Emerge, malgrado la propaganda ipocrita,  la nitida coerenza con cui Gino Strada condannava la guerra, senza se e senza ma, dimostrando cultura, coraggio ed etica: perché lui gli afghani li ha aiutati veramente.

Con lui, i  pacifisti avevano ragione venti anni fa e a maggior ragione oggi perché solo senza la guerra possiamo premere perché l'Afghanistan sia impegnato sul fronte - non militare ma civile - di un maggiore rispetto dei diritti umani. 

373 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online