Lunedì, 27 giugno 2022 - ore 10.13

LA FRECCIA DELLA VERSILIA TORNERÀ SOLO DAL 24 LUGLIO| Dario Balotta Europa Verde

EUROPA VERDE: NON BASTA AVERE LINEE FERROVIARIE, BISOGNA SAPERLE GESTIRE

| Scritto da Redazione
LA FRECCIA DELLA VERSILIA TORNERÀ SOLO DAL 24 LUGLIO| Dario Balotta  Europa Verde

LA FRECCIA DELLA VERSILIA TORNERÀ SOLO DAL 24 LUGLIO| Dario Balotta  Europa Verde

 EUROPA VERDE: NON BASTA AVERE LINEE FERROVIARIE, BISOGNA SAPERLE GESTIRE

Dal 24 maggio, in piena stagione estiva, RFI (Rete Ferroviaria Italiana) avvierà i lavori infrastrutturali sulla linea Pontremolese della tratta tosco-emiliana, che richiederà la chiusura totale del traffico ferroviario fino al 24 luglio 2022.  Durante il periodo di interruzione della tratta, i treni in servizio sulla linea Parma-La Spezia modificheranno gli orari o saranno limitati nel loro percorso e sostituiti con autobus tra Pontremoli e Berceto. Se è certamente positivo che si facciano interventi manutentivi “profondi sulla linea”, lo è un po’ meno il fatto che sia nel 2021 che quest’anno, fino al 24 luglio, sia stata soppressa la “Freccia della Versilia” Bergamo-Cremona-Pisa.

Il treno che dall'avvento del federalismo ferroviario è gestito in pool dalle regioni Lombardia e Toscana è diventato l'ultimo della classe, una specie di Freccia di serie B. Entrambe le regioni ed i loro gestori ferroviari (Trenord per la Lombardia e Trenitalia per la Toscana) sottovalutano l'importanza dei treni turistici, proprio mentre il traffico del tempo libero sta vivendo una crescita incoraggiante in tutta Europa.

In questo periodo primaverile e d'inizio estate il collegamento avrebbe potuto essere mantenuto almeno nei giorni di venerdì, sabato e domenica, per non dare il senso di abbandono di una tratta “storica”.

Nel periodo di chiusura della linea per lavori, poi, si sarebbe potuta utilizzare la navetta autobus già istituita per i collegamenti locali in sostituzione dei treni nella tratta chiusa, con un lieve aumento dei tempi di viaggio.

Se per bergamaschi e bresciani l'alternativa per arrivare in Versilia passando da Milano o Verona diventa peggiorativa in caso di supplemento Freccia Rossa, lo è molto di più per l'utenza cremonese: sia per l'aumento dei tempi di viaggio che per il disagio di effettuare anche alcuni trasbordi da un treno all'altro.

Al momento, peraltro, la Freccia della Versilia non è inserita nell'orario ferroviario neppure dopo la fine dei lavori, come invece aveva promesso l'assessore lombarda Claudia Terzi. Questa vicenda ci insegna che non basta avere le linee ferroviarie se ci passano treni vecchi, con personale scarso e sistemi di circolazione obsoleti, ma bisogna anche saperle gestire bene per attirare utenti e rendere i servizi capaci di essere attrattivi almeno quanto l'automobile.

Neppure la richiesta di raddoppio della Cremona-Brescia avanzata dalle due province di questi giorni basterà per rilanciare il trasporto ferroviario, se poi non ci sono le condizioni per potenziare i servizi. Per il gestore Trenord parlano, purtroppo, le quotidiane proteste dei pendolari lombardi.

Dario Balotta  Europa Verde responsabile trasporti

Milano 24 maggio

1310 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online