Sabato, 18 maggio 2024 - ore 02.55

AUTOVIE PADANE (BR-CR-PC):INUTILE TERZO PONTE SUL PO A CREMONA |Dario Balotta

MENTRE QUELLO DELLA BECCA (PAVIA)) ATTENDE DA ANNI DI ESSERE RIFATTO

| Scritto da Redazione
AUTOVIE PADANE (BR-CR-PC):INUTILE TERZO PONTE SUL PO A CREMONA |Dario Balotta

AUTOVIE PADANE (BRESCIA CREMONA PIACENZA): INUTILE UN TERZO PONTE SUL PO A CREMONA, MENTRE QUELLO DELLA BECCA (PAVIA)) ATTENDE DA ANNI DI ESSERE RIFATTO

L’avvio delle procedure di esproprio per la realizzazione del terzo ponte sul Po tra Cremona e Castelvetro (Piacenza) e della gronda, ripropone il tema dell’assenza di una programmazione dei trasporti e di un piano di priorità delle infrastrutture per i trasporti da realizzare in Italia. La costruzione del terzo ponte renderebbe l’area cremonese affacciata sul Po iperdotata di infrastrutture di attraversamento del fiume, vista la presenza dei due attraversamenti attuali, uno stradale e uno autostradale. Senza contare quello ferroviario, diventerebbero tre ponti in tre km di distanza in linea d’aria. Troppa grazia. Ciò sarebbe possibile grazie all'assenza di un nuovo piano della viabilità extraurbana della provincia di Cremona, visto che l’ultimo risale al 2004.

Tutto mentre decine di ponti sul Po sono ammalorati, e altri andrebbero ampliati per le ridotta larghezza della carreggiata: per non parlare del traballante ponte della Becca (in provincia di Pavia), costruito in ferro nel 1912. Già nel 2010 era un’urgenza costruirne lì uno nuovo, quando fu salvato dal crollo e poi riaperto a senso unico alternato per le auto, ma chiuso ai mezzi pesanti con gravi danni al sistema produttivo.

Forse il ministero dei Trasporti, quando il 21 maggio 2017 ha sottoscritto la Convenzione con la concessionaria Autovie Padane per la gestione dell’Autostrada A21 Piacenza-Cremona-Brescia, non aveva in mente quali fossero le priorità del territorio lombardo. Eppure Autovie padane, controllata dal gruppo Gavio, gestisce un’autostrada, la Torino-Piacenza, che a Broni (Pavia) riceve anche il traffico proveniente dal ponte sulla Becca. Non solo, ma la sede del gruppo è a pochi chilometri dal ponte.

I verdi europei chiedono con forza che il ministero delle Infrastrutture e della mobilità sostenibile riveda la convenzione con Autovie Padane (A21) e dirotti altrove i 360 milioni di spesa previsti per il terzo ponte sul Po inseriti nel PEF (Piano Economico Finanziario). L'accordo di concessione con il gruppo Gavio prevede investimenti per 360 milioni da ritornare allo Stato con opere stradali: invece che per un terzo ponte a Cremona, potrebbero essere meglio impiegati con la costruzione del nuovo ponte della Becca e la manutenzione di quelli ammalorati tra Mantova, Cremona e Pavia.

Dario Balotta  (Europa Verde)

Milano  10 febbraio 2022

Sondaggio: Sondaggio TI piace l’idea del TERZO PONTE sul PO Cremona-Castelvetro ?

1493 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online