Sabato, 10 aprile 2021 - ore 16.31

L'Auser si riorganizza

| Scritto da Redazione
L'Auser si riorganizza

LA RISORSA ANZIANI AL SERVIZIO DEL PAESE
Terza Conferenza Nazionale di Organizzazione dell'Auser
Dal 26 al 28 maggio 2011
Grand Hotel Admiral Palace - Chianciano Terme (SI)
Identità, Responsabilità, Rete, sono le tre parole chiave attorno al quale si centreranno i lavori della Terza Conferenza Nazionale di Organizzazione dell'Auser in programma a Chianciano dal 26 al 28 maggio 2011.  Un appuntamento importante per una delle più grandi organizzazioni di anziani attivi che operano in Italia, per fare un bilancio sulle proprie strategie, sul proprio essere, sul proprio operare, alla luce dell'attuale contesto politico, sociale ed economico.
Auser è oggi, a 22 anni dalla sua costituzione, una grande rete di solidarietà e partecipazione,  un punto di riferimento per tanti cittadini di tutte le età e di tutte le culture che possono trovare nell'associazione opportunità per esprimersi, conoscersi, partecipare.  Un'associazione di volontariato e promozione sociale forte di circa 300.000 iscritti, 1500 sedi e  45.800 volontari. E' fra le prime dieci associazioni di volontariato nelle scelte del 5 per mille.
L'Auser in questi anni ha dato spazio e voce a quella generazione di anziani che ha esperienza, disponibilità e ancora tanta voglia di fare, che rifiuta gli stereotipi e vuole svolgere un ruolo attivo  nella società.
350 delegati provenienti da tutta Italia si confronteranno nel corso dei tre giorni sulle  nuove sfide  che l'Auser dovrà affrontare nel prossimo futuro, in una società che invecchia sempre di più e  con una crisi economica e sociale che non ha smesso di  mordere. L'associazione  si confronterà sulle nuove strategie organizzative da assumere   e da percorrere  in un momento estremamente difficile per il nostro Paese.
Manca il lavoro, cresce il sommerso, le famiglie si trovano sempre di più in difficoltà, aumenta il divario fra Nord e Sud. Un quadro che diventa sempre più  complesso per non avere ricadute anche sull'operato dell'associazionismo e del  volontariato. Gli effetti della Finanziaria 2011 sono stati tremendi per le Politiche Sociali con la riduzione o il totale azzeramento dei Fondi Nazionali che dal 2008 ad oggi sono scesi del 78%.

"Non ci stiamo ad essere utilizzati per ridurre l'intervento pubblico ed il costo del Welfare come vorrebbe l'attuale Governo nazionale - sottolinea il presidente nazionale di Auser Michele Mangano - il  Terzo Settore deve essere invece coprotagonista, un alleato,  per superare la crisi e contribuire alla crescita del Paese. Noi non ci tiriamo indietro, faremo la nostra parte con maggiore consapevolezza e con un rafforzato senso di identità e di appartenenza".
La valorizzazione del territorio, la coesione, la capacità di progettare, l'applicazione delle norme antidiscriminatorie, il  fare rete, sono alcune delle questioni organizzative  che l'Auser  dovrà affrontare nel corso della  Terza Conferenza di Organizzazione guardando a fondo dentro se stessa. 

I lavori si apriranno giovedì 26 maggio alle ore 15.00

Interverranno alla Conferenza:
Carla Cantone, Segretario Generale SPI CGIL
Vera Lamonica, Segretario Confederale CGIL
Enrico Panini, Segretario Confederale CGIL
__________________________________
Giusy Colmo c/o Presidenza Nazionale Auser
Responsabile Ufficio Stampa e Comunicazione
Via Nizza 154, 00198 Roma
tel. 06-84407725
fax 06/84407777
cell. 348/2819301
ufficiostampa@auser.it

1176 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria

In pensione con i requisiti bloccati sino al 2022

In pensione con i requisiti bloccati sino al 2022

L’Inps interviene sul “blocco” a tutto il 2022 della cosiddetta “speranza di vita” e spiega che l’età si vecchiaia si ferma a 67 anni. Mentre il pensionamento anticipato a favore dei “precoci” resta fissato a 41 anni di contribuzione, indipendentemente dall’età anagrafica. In pensione con i requisiti bloccati sino al 2022 L’Inps interviene sul “blocco” a tutto il 2022 della cosiddetta “speranza di vita” e spiega che l’età si vecchiaia si ferma a 67 anni. Mentre il pensionamento anticipato a favore dei “precoci” resta fissato a 41 anni di contribuzione, indipendentemente dall’età anagrafica.