Venerdì, 28 gennaio 2022 - ore 18.37

Lavoratori spettacolo in presidio a Milano

Presidio a Milano a Palazzo Regione, vogliamo reddito continuità

| Scritto da Redazione
Lavoratori spettacolo in presidio a Milano

Hanno scelto la piazza davanti al Palazzo della Regione come palcoscenico per protestare contro "la gestione sbagliata dell'emergenza sanitaria" che da una parte ha portato a contare "un elevato numero di vittime , e dall'altra nessuna prospettiva per il futuro della cultura e dello spettacolo" da sempre ritenuto uno "dei settori di punta" del "territorio" lombardo. E così, con striscioni e cartelloni, attori e attrici, musicisti, registi, scenografi, attrezzisti, elettricisti, tecnici di scena e del suono - un centinaio di persone - oggi pomeriggio si sono ritrovati in un ennesimo presidio a Milano (ma anche a Roma e Torino).

La loro richiesta è "una riforma radicale dell'intero settore" in crisi da tempo. Crisi diventata insostenibile per la prima e la seconda ondata dell'epidemia di Coronavirus e la recente nuova chiusura dei teatri. "Siamo in stato di agitazione permanete dal 30 maggio scorso - spiega l'attrice teatrale Antonella Morassutti, che parla a nome del coordinamento spettacolo Lombardia - ma da allora nulla è cambiato" . Oltre alla richiesta di essere ricevuti dall'assessore alla Cultura Bruno Galli, che per "tre volte ci ha dato appuntamento - prosegue l'attrice - senza poi riceverci", più in generale le rivendicazioni di questi "lavoratori precari", come si definiscono molti di loro, sono dirette a tutti a partire dal premier Giuseppe Conte e dal ministro Dario Franceschini.

   "Quello che noi chiediamo in questo momento, accanto a una riforma radicale dell'intero settore, anche sotto il profilo contrattuale e contributivo, - prosegue Antonella Morassutti -, è il reddito di continuità per tutto il 2021, come è stato istituito in Francia e in Germania, e poi maggiori tutele e sicurezza sul lavoro e una ripartenza degli spettacoli in presenza, con protocolli sanitari nazionali" anti Covid.

"La cosa importante - ribadisce Morassutti - è che ci venga riconosciuto un reddito proprio perché molti di noi, a causa del caos contrattuale del nostro comparto, non sono riusciti a prendere nemmeno il bonus stanziato dallo stato".

Una sarta di scena, invece, ha tenuto a precisare che l'assessore Galli "non ha salvato la programmazione in Lombardia, perché andranno in streaming solo pochi e piccoli spettacoli".

A chiedere una riforma sono anche i giovanissimi. "Le nostre compagnie - racconta Andrea, 29 anni, attore e doppiatore - fanno fatica a trovare un sostegno e noi ad emergere. Non ti danno l'opportunità di entrare in un circuito lavorativo in quanto i finanziamenti sono bloccati. I soldi pubblici vengono erogati ai teatri statali e nazionali" che per questo a giugno sono riusciti a riaprire.

"Tutte le altre realtà italiane, che sono il 70 per cento, - dice l'attrice Rita Pelusio - non stanno a galla e le compagnie indipendenti e giovani hanno bisogno, per vivere e sopravvivere, della riapertura dei teatri gestiti dalle amministrazioni comunali e regionali, di finanziamenti e di sgravi fiscali".

393 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria