Sabato, 14 dicembre 2019 - ore 05.27

Lombardia Case di Riposo Rette delle Rsa più leggere Passa emendamento del PD

È stato approvato in Regione, nel contesto della riforma sanitaria della Lombardia, un ordine del giorno firmato dal Pd volto a calmierare le rette delle Case di Riposo a carico delle famiglie.

| Scritto da Redazione
Lombardia Case di Riposo  Rette delle Rsa più leggere Passa emendamento del PD

RIFORMA SANITÀ, BORGHETTI (PD): "RETTE DELLE CASE DI RIPOSO PIÙ LEGGERE, PASSA ORDINE DEL GIORNO DEL PD CHE TRADUCE L'INTESA TRA SINDACATI E MARONI"

In Lombardia sono presenti quasi 60mila posti letto in Casa di Riposo, le cosiddette RSA. A causa del blocco dei contributi da parte della Regione e dei costi sempre più alti per l'assistenza, i costi delle rette si sono fatti sempre più alti per le famiglie in questi anni, e in un momento di crisi come questo è seriamente messa in discussione la possibilità di accedere a questo servizio per moltissimi anziani non autosufficienti.

In occasione dell'avvio della riforma sanitaria, il 26 settembre del 2014, le organizzazioni sindacali Cgil-Cisl-Uil hanno ottenuto la promessa del Presidente Maroni di un intervento regionale per aiutare le famiglie a pagare le rette.

"Abbiamo tradotto in un ordine del giorno l'intesa tra i Sindacati e Maroni che per la prima volta in tanti anni impegna la Giunta regionale a calmierare le rette delle Case di riposo lombarde, tenendo conto dei costi sanitari dell’assistenza, e delle tariffe applicate agli ospiti nei vari territori", dichiara il consigliere regionale Pd Carlo Borghetti, primo firmatario dell'ordine del giorno.

"In base alla legislazione nazionale vigente sui Livelli Essenziali di Assistenza, deve essere garantita la copertura con risorse regionali del 50% del costo ospite a giornata nelle RSA, cosa che oggi in Lombardia non avviene, comportando costi spesso proibitivi per le famiglie. Ora la Regione dovrà provvedere, facendo in modo che le Rsa sgravino le rette per importi fino a 100 euro al mese", conclude Borghetti.

3526 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria