Sabato, 15 agosto 2020 - ore 13.13

Milano. Migranti Majorino: dobbiamo passare all’accoglienza diffusa

L’Assessore: “Avremo tre comitati, uno di esperti uno per il controllo dell’accoglienza e uno permanente per area metropolitana” Dai grandi centri all’accoglienza diffusa con la creazione di tre comitati, uno di esperti, uno per il controllo dell’accoglienza dei profughi e uno per l’area metropolitana, che attualmente accoglie 4.500 persone, di cui 3.197 (il 70%) nella sola città di Milano.

| Scritto da Redazione
Milano. Migranti Majorino: dobbiamo passare all’accoglienza diffusa

Questo pomeriggio l’assessore alle Politiche sociali Pierfrancesco Majorino ha illustrato il “caso Milano” ai consiglieri della Commissione Politiche sociali, presentando numeri, problematiche e soluzioni legate al flusso di profughi in fuga da situazioni di guerra e violenza giunti in città negli ultimi due anni e mezzo.

“Finora abbiamo fatto bene – ha detto Majorino – ma il fenomeno che stiamo affrontando ora è cambiato: diminuiscono le persone che lasciano il nostro Paese con un progetto di vita verso gli stati del Nord, come accadeva con i siriani, mentre molteplici sono le situazioni di fragilità che gli operatori ogni giorno incontrano tra i nuovi arrivati. Perciò riteniamo che sia necessario cambiare il modello di accoglienza, passando dai centri più grandi a strutture più piccole destinate a compiti specifici, come già stiamo facendo in via Zendrini con i minori o in via Carcano con le donne sole o le mamme con bambini. Per questo siamo convinti sia fondamentale il coinvolgimento dei comuni dell’area metropolitane – ha aggiunto Majorino – Costituiremo un comitato permanente di tutte le istituzioni a cui auspichiamo partecipi finalmente anche Regione Lombardia. Ne istituiremo altri due, uno per il controllo dell’accoglienza e uno che sarà composto da esperti per la gestone delle politiche anche di integrazione”.

Alcuni dati.

Dal 18 ottobre 2013 fino al 28 luglio 2016 il totale dei profughi accolti nei Centri presenti sul territorio è pari circa a 96 mila (80.767 le persone ospitate in convezione con la prefettura per un totale di circa 575 mila presenze), di questi circa 17.500 minori.

Gli arrivi si sono così suddivisi negli anni :

-  1.316 negli ultimi 3 mesi del 2013

-  52.631 nell’anno 2014

-  31.855 nell’anno 2015

-  10.137 nei primi 7 mesi del 2016

Nel primo semestre del 2016 si registra un calo del 65% negli ingressi rispetto al primo semestre del 2015, a fronte di un aumento dei tempi di permanenza nei centri, in quanto le persone chiedono asilo politico sul territorio milanese.

Fino al 2016 i transitanti rappresentano la quasi totalità degli ospiti (98%).

Dal 2016 la loro incidenza si è ridotta drasticamente, tanto che la quota dei i richiedenti asilo è arrivata a superare il 75%. 

Al 28 luglio 2016 le persone risultano accolte mediamente da 102 giorni.

Centri di accoglienza:

Casa Suraya – Via Salerio 51 Farsi Prossimo;

Via Pollini 4 - City Angels;

Via Pedroni 30 - Remar Italia onlus;

Via Aldini 74/A - Progetto Arca;

Via Mambretti 33 - Progetto Arca;

Hub Sammartini 118 - Progetto Arca;

Via Corelli 28 (ex CIE) Gepsa S.A./Ass. Acuarinto;

Via Beato Da Carcano 4 - Albero della Vita.

----------------------

Centri di accoglienza ospitalità volontaria:

Hub Sammartini 120/122 - Progetto Arca;

Via Zoia -  Progetto Arca;

Via Aldini/palestra - Progetto Arca;

Parrocchia Bruzzano - CEAS;

Via San Marco 49 - Remar Italia onlus/Ass. Angel Service;

Memoriale Shoah - Comunità Sant’Egidio.

--------------------------------

Centri di prossima attivazione

Ex Caserma Mancini, in via Corelli 176 Ass.ne Telefono Donna con Fratelli di San Francesco

Casa del Giovane - Farsi Prossimo/Caritas Ambrosiana

809 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online