Mercoledì, 12 agosto 2020 - ore 04.57

Monitoraggio degli edifici scolastici di Cremona, ecco i primi risultati

Obiettivo primario dell’Amministrazione è la messa in sicurezza

| Scritto da Redazione
Monitoraggio degli edifici scolastici di Cremona, ecco i primi risultati

Nell’ambito del complessivo piano di monitoraggio di soffitti e controsoffittature in tutti gli edifici scolastici voluto dall’Amministrazione Comunale, sono pervenuti oggi i risultati delle indagini riguardanti alcuni di questi effettuate nei giorni scorsi dalla società specializzata appositamente incaricata. Il pessimo livello di conservazione, riferito sia all’intonaco sia al fondello in laterizio, comporta il divieto dell’utilizzo per alcuni ambienti fino a quando non si sia proceduto con interventi di messa in sicurezza.

«A fronte di queste situazioni – dichiarano la Vicesindaco Maura Ruggeri e l’Assessore Andrea Virgilio – è purtroppo inevitabile che vi possano essere disagi per gli alunni e per gli insegnanti, tuttavia il nostro obiettivo primario è la loro sicurezza. Ricordiamo infatti che l’attuale Amministrazione, trovatasi sin dall’inizio di fronte a una situazione critica per quanto riguarda l’edilizia scolastica, ne ha fatto una priorità di mandato predisponendo un piano che ha nella messa in sicurezza degli edifici il suo cardine; è in fase di completamento – aggiungono i due amministratori – il monitoraggio dei soffitti e controsoffitti di tutte le strutture scolastiche per prevenire crolli improvvisi, che si sono purtroppo verificati in taluni casi, così da intervenire con la massima urgenza, come peraltro già avvenuto, laddove si riscontrino situazioni di criticità e di rischio immediato».

È stata accelerata la messa a punto di tutti i progetti di manutenzione per accedere a ogni opportunità di finanziamento previsto da bandi emanati dallo Stato e dalla Regione. I progetti sinora presentati sono stati dichiarati finanziabili. Sono già stati portati a termine importanti lavori di adeguamento antisismico. Inoltre, nel Piano delle opere pubbliche sono stati inseriti interventi di manutenzione degli edifici scolastici programmati in base a criteri di priorità e urgenza.

«Non abbiamo la bacchetta magica e purtroppo le esigenze d’intervento sono numerose e importanti, ma assicuriamo che l’attenzione dell’Amministrazione è massima e che si proseguirà con il metodo della programmazione secondo un ordine di priorità che garantisca in primo luogo la sicurezza e la piena agibilità delle strutture», concludono Ruggeri e Virgilio.

642 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria