Lunedì, 27 giugno 2022 - ore 10.18

Nuovo impianto di biometano di Sergnano: procedimento sospeso in attesa di integrazioni

In funzione dell’impianto biogas già esistente nella stessa area, il Comune di Sergnano ha chiesto una valutazione di impatto preventiva sulle ricadute emissive

| Scritto da Redazione
Nuovo impianto di biometano di Sergnano: procedimento sospeso in attesa di integrazioni

Nuovo impianto di biometano di Sergnano: procedimento sospeso in attesa di integrazioni

Mercoledì 18 maggio 2022 si è tenuta, presso il municipio di Sergnano, la riunione della conferenza dei servizi in merito alla richiesta per la realizzazione di un nuovo impianto di biometano da parte della ditta “Energia Verde BIO”. L'iter procedurale ha visto il coinvolgimento degli enti preposti (Regione Lombardia, Provincia di Cremona, Arpa, ATS Val Padana, Ministero dello sviluppo economico, Ministero per i beni culturali e ambientali, comando provinciale dei Vigili del Fuoco, Parco del Serio) e dei paesi limitrofi (Comuni di Pianengo, Capralba, Caravaggio, Mozzanica, Castel Gabbiano, Casale Cremasco, Campagnola Cremasca, Ricengo). Durante la conferenza il Comune di Sergnano ha espresso parere sospensivo nei confronti dell'istanza, avanzando alcuni rilievi di carattere tecnico e ambientale.

Innanzitutto l'amministrazione comunale, guidata dal sindaco Angelo Scarpelli, ha rilevato che l’impianto di digestione anaerobica sarà affiancato da un cogeneratore a metano di potenza pari a 899 kWt e da una caldaia a biomasse da 499 kWe: nella relazione tecnica del progetto risulta evidenziato che i due impianti saranno installati da soggetto terzo e con successivo titolo abilitativo. Tale procedura risulta essere in disaccordo con quanto previsto dalla normativa vigente, che prevede che la costruzione e l'esercizio degli impianti di produzione di energia elettrica alimentati da fonti rinnovabili, nonchè le opere ed infrastrutture connesse, debbano essere soggetti ad un'unica autorizzazione. E' stato pertanto chiesto un'integrazione della pratica per risultare idonea alle disposizioni di legge.

In funzione dell’impianto biogas già esistente nella stessa area, il Comune di Sergnano ha chiesto inoltre di predisporre una valutazione di impatto preventiva sulle ricadute emissive, considerando il cumulo di entrambi gli impianti. In merito al digestato (frazione liquida) non è apparsa congrua la dichiarazione fornita dalla ditta proponente, secondo cui il permeato di ultrafiltrazione ha corrette caratteristiche per essere utilizzato con questa procedura: a tal proposito è stato inoltrato dall'ufficio tecnico comunale un quesito specifico a Regione Lombardia. Per quanto riguarda l'aspetto del rumore, si è richiesto di redigere una nuova idonea valutazione acustica "ante operam", da eseguirsi nel rispetto della normativa vigente, in quanto le rilevazioni allegate alla richiesta risultano essere state effettuate durante la giornata del 14/11/2021 con condizioni meteo particolarmente avverse. Secondo le norme tecniche vigenti tali misurazioni devono essere infatti eseguite in assenza di precipitazioni atmosferiche, di nebbia o neve e la velocità del vento deve essere non superiore a 5 m/s.

In merito al problema della viabilità l'amministrazione comunale ha richiesto un piano viabilistico che possa valutare l’impatto sulla viabilità derivante dalla messa in esercizio dell’impianto in progetto. E' stato ritenuto opportuno inoltre effettuare una verifica delle strade interessate al fine di porre in essere tutti gli interventi di adeguamento strutturale e viabilistico delle strade interessate dal passaggio dei mezzi pesanti, sia durante la fase di costruzione che di esercizio. A conclusione della riunione si è quindi stabilito la sospensione dei termini del procedimento in attesa delle integrazioni richieste, entro un termine di 60 giorni.

Lista Civica - Sergnano in Comune

 

 

222 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online