Lunedì, 02 agosto 2021 - ore 07.13

Nutrie, Coldiretti Cremona: ‘Bene il piano regionale. Ora recuperare il tempo perso’

Il Presidente Voltini: «Abbiamo fatto un grande lavoro, finalmente qualcosa si sta vedendo»

| Scritto da Redazione
Nutrie, Coldiretti Cremona: ‘Bene il piano regionale. Ora recuperare il tempo perso’

L’approvazione avvenuta ieri da parte di Regione Lombardia del Programma triennale di eradicazione della nutria è senz’altro una buona notizia. Ora però bisogna recuperare il tempo perduto e ci aspettiamo che la Provincia adotti in tempi brevissimi i provvedimenti necessari per l’attuazione della eradicazione a livello territoriale. Questo è il commento di Coldiretti Cremona sul provvedimento atteso da mesi.

«Su questo tema», spiega Paolo Voltini, Presidente di Coldiretti Cremona, «ricordo che siamo partiti ormai più di un anno fa (giugno 2014 a Cappella de’ Picenardi) con incontri con i nostri Soci, con i Sindaci e i Consiglieri Regionali, prima ancora che il Governo stabilisse che la nutria è una specie nociva. Il tutto per evidenziare la gravità del problema, divenuto insostenibile non solo per l’agricoltura, ma per tutta la comunità, dati i danni all’ambiente e i pericoli legati alla salute e alla sicurezza».

Il pressing di Coldiretti è proseguito nei mesi invernali insistendo con Regione Lombardia perché si rispettassero i tempi per l’approvazione del Piano entro la data prevista (e purtroppo non rispettata) del 31 marzo scorso. «Siamo ancora intervenuti con successo sulla Provincia e la Regione», prosegue Voltini, «per consentire che il vecchio piano provinciale di contenimento potesse continuare ad avere efficacia dopo la sua scadenza, per non lasciare senza contrasti il proliferare delle nutrie. Non più tardi di lunedì scorso abbiamo consegnato nelle mani dell’Assessore regionale Gianni Fava il dossier di Coldiretti con le nostre proposte sulla situazione nutrie e fauna selvatica. Abbiamo più volte raccontato sulla stampa e in tv la grave situazione dei nostri soci alle prese con le nutrie. Ora non possiamo che essere felici della decisione regionale e ringraziare chi si è adoperato per questo risultato, anche se purtroppo raggiunto con un po’ di ritardo rispetto alle devastazioni delle nutrie che continuano e con una dotazione che appare insufficiente. Ora la parola passa alla Provincia di Cremona», conclude Voltini. «Al Presidente Vezzini, che conosce bene la situazione, chiediamo di fare in fretta con la predisposizione del Piano provinciale».

1007 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria