Giovedì, 12 dicembre 2019 - ore 14.07

Omaggio a chi ha perso la vita nelle missioni internazionali per la pace, la cerimonia questa mattina al Parco Caduti di Nassiriya

Presenti le autorità civili, militari cittadine e i rappresentanti delle Associazioni Combattentistiche e d'Arma

| Scritto da Redazione
Omaggio a chi ha perso la vita nelle missioni internazionali per la pace, la cerimonia questa mattina al Parco Caduti di Nassiriya Omaggio a chi ha perso la vita nelle missioni internazionali per la pace, la cerimonia questa mattina al Parco Caduti di Nassiriya Omaggio a chi ha perso la vita nelle missioni internazionali per la pace, la cerimonia questa mattina al Parco Caduti di Nassiriya

Cremona, 12 novembre 2019 - In occasione della Giornata nazionale della memoria per i caduti civili e militari nelle missioni internazionali per la pace questa mattina, al Parco Caduti di Nassiriya, presenti le autorità civili, militari cittadine e i rappresentanti delle Associazioni Combattentistiche e d'Arma, tutte con i loro labari, si è tenuta la cerimonia commemorativa davanti al cippo che ricorda i civili e i militari morti a causa di un attentato terroristico che devastò la base italiana Maestrale a Nassiriya, in Iraq, il 12 novembre del 2003.

Dopo l'Onore ai Caduti, il Sindaco Gianluca Galimberti, il Vice Presidente della Provincia Rosolino Azzali, il Prefetto Vito Danilo Gagliardi, il Comandante Provinciale dei Carabinieri, Colonnello Marco Piccoli, e il Colonnello Giovanni Brafa Musicoro, Comandante del X Reggimento Genio Guastatori, hanno deposto una corona di alloro, portata da due agenti della Polizia Locale, al cippo commemorativo collocato nel parco di via Trebbia. E' seguita l'esecuzione del “Silenzio”. Un carabiniere e una militare hanno quindi letto i nomi dei Caduti di Nassiriya. Gli studenti della classe I A della Scuola secondaria di primo grado “Virgilio”, accompagnati dalla docente Cinzia Cavalli, a loro volta hanno letto un personale intervento a ricordo della strage avvenuta 16 anni fa.

A seguire, a nome del Comune che, come da tradizione, ha organizzato la cerimonia, ha preso la parola il Sindaco Gianluca Galimberti che, tra l’altro, soffermandosi sul significato della fascia che indossano nelle cerimonie ufficiali i rappresentanti delle istituzioni, ha detto che questa ha un valore fortemente simbolico: i caduti di Nassiriya infatti non la indossavano, ma idealmente sì, in quanto rappresentavano le istituzioni. Questo porta ad affermare che tutti quanti la dovrebbero simbolicamente indossare per agire con senso di responsabilità. Il Sindaco ha inoltre aggiunto che i militari e i civili morti a Nassiriya erano al servizio della nostra comunità dando il loro aiuto ad un’altra popolazione.

In tale occasione non poteva certo mancare un riferimento ai militari italiani rimasti gravemente feriti in un attentato avvenuto nei giorni scorsi nei pressi di Kirkuk, sempre in Iraq, dove sono impegnati in una missione di pace. Il Sindaco ha reso inoltre omaggio ai vigili del fuoco deceduti nell’esplosione avvenuta a Quargnento, in provincia di Alessandria, in quanto anche loro erano al servizio della comunità. Rifacendosi poi alle parole degli studenti della “Virgilio”, il Sindaco Galimberti ha ribadito che “tutti dobbiamo essere costruttori di pace, ovunque, nelle cose, nelle relazioni e nel quotidiano”. La cerimonia si è conclusa con la lettura della Preghiera dei Caduti.

122 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online