Martedì, 18 giugno 2019 - ore 01.13

Palmieri Cgil : la riforma del lavoro è da rifare !

| Scritto da Redazione
Palmieri Cgil : la riforma del lavoro è da rifare !

Nei giorni in cui il palamento con molti voti di fiducia approva la riforma del Mercato del Lavoro propugnata dalla Ministra Fornero  la Cgil , anche a livello locale, ha manifestato il suo profondo dissenso con un presidio davanti alla Prefettura.
Nella telefonata il segretario generale della Cgil di Cremona, Mimmo Palmieri, ha fra l’altro  evidenziato la negatività di questa riforma affermando che non solo “ è dannosa ma è da rifare sia perché non produrrà effetti benefici sull’occupazione sia per la diminuzione delle tutele individuali introdotto con la modifica dell’articolo 18”.
Un altro tema che sta molto a cuore al sindacato è quello degli “esodati” . “ Lavoratori e lavoratrici in cane ed ossa- così ha sottolineato Palmieri- che sono senza stipendio e senza pensione. Gli impegni della Fornero non sono sufficienti. Gli esodati nella provincia di Cremona vanno ben oltre i 60 della Tamoil”. La Cgil sta compiendo una indagine che renderà pubblica a breve.
Cisl eUil provinciali non hanno partecipato al presidio di oggi in quanto hanno una diversa valutazione della riforma Fornero.

A cura di Gian Carlo Storti
www.welfarecremona.it
Cremona 26 giugno 2012

Ascolta la telefonata
Palmieri Cgil : la riforma del lavoro è da rifare !

1382 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria

(Tel.) Giuseppe Demaria (Cisl) L’intesa non siglata dalla Cgil per Centro Padane è un buon accordo che tutela i lavoratori.

(Tel.) Giuseppe Demaria (Cisl) L’intesa non siglata dalla Cgil per Centro Padane è un buon accordo che tutela i lavoratori.

Sull’intesa che stabilisce le condizioni a cui avverrà la cessione individuale del contratto di ognuno dei 206 lavoratori è stata firmata dal Gruppo Gavio e dalle segreterie nazionali, regionali e territoriali di Fit Cisl, Uil Trasporti, Sla Cisal e Ugl. Ma non dalla Filt-Cgil. La trattiva e l’intesa è avvenuta non al Ministero ma sul tavolo negoziale azienda-sindacati.