Martedì, 28 giugno 2022 - ore 05.18

Pavia ha ricordato le vittime del crollo della Torre

A 33 anni dalla tragedia che costò la vita a 4 persone

| Scritto da Redazione
Pavia ha ricordato le vittime del crollo della Torre

"Oggi per Pavia è un giorno di lutto: la ferita del crollo della Torre Civica, la morte di 4 persone e il ferimento di altre 15 rimane per tutti noi una ferita che non si è mai rimarginata e mai si sanerà".

Lo ha dichiarato il sindaco di Pavia, Mario Fabrizio Fracassi, alla cerimonia di oggi in Piazza Duomo, nel cuore della città, a 33 anni dalla tragedia, alla presenza delle autorità cittadine e del sindaco di San Genesio (Pavia), Giuseppe Tessera.

    Fracassi ha ricordato il dramma vissuto dalla città in quel terribile 17 marzo 1989. Sotto i mattoni della Torre Civica, costruita nell'undicesimo secolo, alta 78 metri e crollata improvvisamente, morirono Adriana Uggetti e Barbara Cassani, due ragazze di 18 e 17 anni di San Genesio (Pavia), Giulio Fontana, 76 anni, proprietario dell'albergo Regisole, e Pia Casella Comaschi, l'edicolante di 52 anni di piazza Duomo.

    "Voglio ricordare, insieme a voi, i loro nomi - ha sottolineato il sindaco -. Li voglio ricordare anche oggi, anche con le preoccupazioni legate alla pandemia e, soprattutto, alla guerra in Ucraina, con le paure e i timori per il futuro che appesantiscono ulteriormente i nostri cuori. Quello che successe il 17 marzo 1989 fa parte, tragicamente, della storia di Pavia.

    Essere una comunitaÌ€ significa anche non permettere alle tragiche difficoltaÌ€ del presente di cancellare la storia, che coincide con la nostra identitaÌ€".

    Presente anche Sandro Bruni, sindaco di Pavia proprio in quel difficile momento: "Ne approfitto per lanciare un messaggio forte, proprio da qui - ha detto Bruni -: vorrei che Pavia si proponesse come città della pace, dello stare insieme in modo civile e propositivo. Siamo gente capace di reagire alle sciagure, capace di rialzarsi. Siamo gente dal cuore grande, siamo sempre pronti a dare una mano: uniti davvero potremmo essere la città della pace".

174 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria