Sabato, 10 aprile 2021 - ore 16.30

PD, biotestamento,sbagliata la proposta del Governo

| Scritto da Redazione
PD, biotestamento,sbagliata la proposta del Governo

BIOTESTAMENTO: PD, PROPOSTA GOVERNO SBAGLIATA, VA RIMESSA NEL CASSETTO
Dichiarazione congiunta di Roberta Agostini, responsabile sanità della segreteria nazionale del PD e Paolo Fontanelli, responsabile Forum sanità del PD.
La proposta di legge sul testamento biologico che, a partire da oggi, è in votazione alla Camera dei Deputati è stata stravolta dalla maggioranza nel suo spirito originario e svuotata dei suoi principi fondamentali. Ridotta in questo modo si tratta di una legge sbagliata, pericolosa, piena di vincoli, in contrasto con l’articolo 32 della Costituzione, che prevede la libertà delle persone rispetto alle terapie mediche. Soprattutto, con questa legge si apre la strada a nuovi e laceranti contenziosi che i cittadini chiederanno di risolvere in tribunale.
Questo è il peggior risultato che si possa immaginare dopo due anni di lavoro in Parlamento. A questo punto meglio rimettere nel cassetto una legge che non rispetta le scelte delle persone sulle terapie da accettare e la responsabilità dei medici, disconosce la centralità dell’alleanza tra medico e paziente e non sostiene le famiglie in momenti così drammatici.
L’errore più grande è quello di creare un clima di conflitto tra personale sanitario e pazienti. E’ anche per questo motivo che oggi pomeriggio saremo in piazza Montecitorio e parteciperemo alla manifestazione organizzata dai medici della Cgil, anch’essi preoccupati per i drammatici problemi che potrebbero derivare con l’approvazione di un testo come quello che vorrebbe il centrodestra.

 

PARTITO DEMOCRATICO
Ufficio Stampa
Tel. 06.69532.1
Via Sant'Andrea delle Fratte, 16 00186
http://www.partitodemocratico.it/

1201 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria

In pensione con i requisiti bloccati sino al 2022

In pensione con i requisiti bloccati sino al 2022

L’Inps interviene sul “blocco” a tutto il 2022 della cosiddetta “speranza di vita” e spiega che l’età si vecchiaia si ferma a 67 anni. Mentre il pensionamento anticipato a favore dei “precoci” resta fissato a 41 anni di contribuzione, indipendentemente dall’età anagrafica. In pensione con i requisiti bloccati sino al 2022 L’Inps interviene sul “blocco” a tutto il 2022 della cosiddetta “speranza di vita” e spiega che l’età si vecchiaia si ferma a 67 anni. Mentre il pensionamento anticipato a favore dei “precoci” resta fissato a 41 anni di contribuzione, indipendentemente dall’età anagrafica.