Martedì, 11 maggio 2021 - ore 09.17

Piadena Drizzona Il ‘loop’ dell’autostrada Cr-Mn

Nel linguaggio informatico, con il termine loop ‹lùup›, si identifica una successione di operazioni che vengono eseguite ripetutamente dal calcolatore nello stesso ordine, ogni volta con modifiche deglioperandi, finché non sia soddisfatta qualche condizione prefissata

| Scritto da Redazione
Piadena Drizzona Il ‘loop’  dell’autostrada Cr-Mn

Piadena Drizzona Il ‘loop’  dell’autostrada Cr-Mn

Nel linguaggio informatico, con il termine loop ‹lùup›, si identifica una successione di operazioni che vengono eseguite ripetutamente dal calcolatore nello stesso ordine, ogni volta con modifiche deglioperandi, finché non sia soddisfatta qualche condizione prefissata

E’ ciò che sta accadendo da circa vent’anni attorno alla vicenda del progetto autostradale della Cr-Mn: sono cambiati alcuni dei soggetti coinvolti, diverso e notevolmente depotenziato l’assetto societario della società concessionaria, mutati gli scenari della sua supposta strategicità, modificato più volte il progetto nel vano tentativo di renderlo economicamente e finanziariamente sostenibile, nonché bancabile, ristretta negli anni la platea dei suoi sostenitori, la Corte di Giustizia europea ha condannato il nostro paese per violazione del diritto comunitario sulla qualità dell’aria (in particolare in Pianura Padana), drasticamente peggiorato è il quadro planetario della crisi climatica, vincolanti in proposito gli impegni che anche il nostro paese ha sottoscritto a Parigi per ridurre il surriscaldamento globale…

Insomma, è cambiato il mondo! Tuttavia, sembra che ciò, non abbia minimamente inciso sulla volontà dei fautori di questo obsoleto progetto, che, con un’ostinazione sempre più incomprensibile, hanno cercato nel tempo di sfruttare ogni possibile e propizia situazione pur di raggiungere il loro obiettivo.

Del progetto definitivo (?), consegnato a fine agosto in regione, si sono perse nuovamente le tracce, e, in attesa della sua validazione tecnica e politica, a molti non è sfuggito il fatto che l’autostrada sarebbe percorribile già dal 2026, l’anno delle olimpiadi invernali “Milano-Cortina”. Grandi eventi = grandi opere!?

In attesa della neve, c’è per fortuna chi vorrebbe soccorrere il nostro “sfortunato” progetto autostradale per collegarlo, con tanto di bretella, a quello della Bre-Be-Mi, che, per traffico atteso e reale, nonché per equilibri economico-finanziari, così dicono, avrebbe molto da insegnare.

L’assessore regionale ai trasporti ha recentemente dichiarato che, prima di considerare ipotesi alternative, è indispensabile mettere un punto fermo alla concessione della Cr-Mn, il cui progetto deve dimostrare “…di stare in piedi e avere una vita sua…”. In proposito ha reso noto come Regione Lombardia abbia chiesto al governo di completare il Ti-Bre autostradale e di compartecipare al finanziamento della realizzazione della Cr-MN. Forse come opere “green” in quota ai finanziamenti del “Recovery plan”?

L’assenza di una progettazione definitiva della Cr-Mn, sta inoltre intralciando, ritardandolo, l’iter del raddoppio ferroviario Mn-Codogno. L’autostrada fantasma, con il buco, oltre ad aver tenuto in ostaggio per vent’anni l’economia agricola di due province e impedito la realizzazione delle relative e necessarie opere viabilistiche, sta ora ostacolando l’unica opera sostenibile in grado di velocizzare il collegamento tra le città di Mantova, Cremona e Milano. E’ inaccettabile! La regione dichiari la decadenza della concessione! Chiediamo alla politica di fare propria, e con urgenza, quell’innovazione quotidianamente invocata, e ad inserire nei propri “programmi” politici, i termini di una visione moderna e veramente sostenibile del futuro del nostro territorio. Sicuramente da questa elaborazione non uscirà, come risultato finale, quel modello di mobilità che ci vorrebbero propinare ad ogni costo con progetti autostradali dello scorso millennio.

No alle autostrade Cr-Mn e Ti-Bre! - Sì alla riqualificazione della SS10!

Sì al Ti-Bre ferroviario! – Sì al nuovo ponte sul Po di Casalmaggiore!

Sì ad una mobilità moderna e sostenibile! #NonFossilizziamoci

----------- 

Piadena Drizzona, lì 24 novembre 2020

Coordinamento Comitati No autostrade Cr-Mn e Ti-Bre - Legambiente Lombardia

WWF Cremona - Legambiente Cremona - Italia Nostra Cremona e Mantova

Stati Generali dell’Ambiente e della Salute della Provincia di Cremona

487 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online