Mercoledì, 23 ottobre 2019 - ore 17.51

Rassegna Nazionale Baskin: intervista al Coach della Teambaskin Ruscelli

"La Rassegna sarà un vero tour de force e si cercherà di fare in modo che lo scudetto la smetta di andarsene a spasso per l'Italia e faccia una buona volta il nido a Cremona"

| Scritto da Redazione
Rassegna Nazionale Baskin: intervista al Coach della Teambaskin Ruscelli Rassegna Nazionale Baskin: intervista al Coach della Teambaskin Ruscelli Rassegna Nazionale Baskin: intervista al Coach della Teambaskin Ruscelli Rassegna Nazionale Baskin: intervista al Coach della Teambaskin Ruscelli

Lo scudetto chiama, Cremona stavolta risponde? Sabato 1° e domenica 2 giugno la città che ha inventato il baskin ne ospita la quarta Rassegna nazionale, con l'ambizione di prendersi quel titolo italiano che finora le è sfuggito.

Michael Ruscelli è da un decennio, cioè fin dalla fondazione, l'allenatore del Teambaskin Fadigati, che si gioca "in casa" la chance di colmare la lacuna dopo il titolo vinto da Aosta nell'edizione inaugurale del 2013 e la doppietta del Sanga Milano.

Come vive la squadra la vigilia dell'impegno tricolore?

I ragazzi sono tranquilli, contenti, eccitati ma non nervosi, non sentono pressioni. Sono consapevoli del bel campionato fatto e vivono un'emozione intensa e positiva, non sentono tanto il risultato quanto la possibilità di partecipare a una bella esperienza.

Che la vostra squadra ha già vissuto.

Nel 2015 a Rho andammo un po' all'avventura, eravamo arrivati penultimi in campionato per poi vincere i playoff. Non facemmo una gran figura ma ci divertimmo tantissimo.

Com'è andata la stagione?

Le finali erano state più combattute in altri anni, ma a Cremona il livello medio è alto e per fare strada devi vincere tante partite contro avversarie preparate.

Quali sono la qualità che non può mancare in una squadra di baskin, e quella che può dare il tocco in più?

Indispensabile per funzionare nel tempo è l'entusiasmo a ogni livello, dai dirigenti ai tecnici e ai giocatori di ruolo 5 e 4 che trainano la squadra. Il salto di qualità lo può dare l'organizzazione in campo, il passaggio da quando ognuno segue l'istinto a quando si cura l'aspetto tattico. Allora il gioco si trasforma in sport.

Che cosa può aspettarsi di vedere chi 'scopre' il baskin?

Ragazzi con tanta voglia di divertirsi, agonismo in campo, amicizia fuori, rispetto sempre. Il concetto base è l'integrazione applicata allo sport, l'obiettivo è che ognuno dei due aspetti esalti l'altro, e di solito riesce in modo visibile.

 

(In allegato il programma delle due giornate e qualche foto della cerimonia d'apertura).

Allegati Pdf:

Allegato PDF 1

170 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online