Lunedì, 21 settembre 2020 - ore 13.33

Referendum Taglio Parlamentari. I Democratici voteranno SI ma sono già divisi | Vincenzo Montuori (Cremona)

Egregio direttore, l’eterogenesi dei fini è la situazione per cui «da azioni intenzionali scaturiscono conseguenze non intenzionali o addirittura opposte a quelle auspicate».

| Scritto da Redazione
Referendum Taglio Parlamentari. I Democratici voteranno SI ma sono già divisi | Vincenzo Montuori (Cremona)

Referendum Taglio Parlamentari. I Democratici voteranno SI ma sono già divisi | Vincenzo Montuori (Cremona)

Egregio direttore, l’eterogenesi dei fini è la situazione per cui «da azioni intenzionali scaturiscono conseguenze non intenzionali o addirittura opposte a quelle auspicate».

Era successo con il referendum renziano del 2016 che, invece di rafforzare l’allora premier, ne provocò il declino; e rischia di avvenire oggi con due temi del dibattito politico: il referendum sul taglio dei parlamentari e le alleanze in vista delle elezioni regionali di settembre.

Nel primo caso, l’auspicata vittoria del Sì, promossa dai 5Stelle a cui si è accodato il Pd, trova sempre maggiori ostacoli perché, non solo i partiti minori e alcuni elementi della opposizione sono molto critici sulla questione, ma perché una buona parte del Pd sembra accorgersi solo adesso che una vittoria del genere, senza essere accompagnata da una seria legge elettorale e da altri correttivi, rischia di abbattere ogni possibilità di rappresentanza in parlamento per le minoranze, tanto è vero che diversi esponenti locali e nazionali del Pd si stanno organizzando in comitati per il No.

Lo stesso avviene per le alleanze tra Pd e 5Stelle, promosse a Roma per le regionali: nonostante gli appelli di Zingaretti e dello stesso Conte, tutto si infrange sulla freddezza dei vertici 5Stelle nei territori, tra incomprensioni e vecchie ruggini reciproche e la stessa proposta viene giudicata con diffidenza dalle rispettive basi elettorali.

Del resto, è molto difficile far passare una proposta del genere localmente senza un confronto sui progetti e sulle necessità dei singoli luoghi a seconda dei diversi contesti: ad esempio, a Cremona, qual è la posizione del Pd e dei 5Stelle sul progetto dell’autostrada Cremona-Mantova? Sono posizioni nettamente contrastanti, favorevole per i Dem, contraria per i grillini.

Tali scelte tattiche dell’ultimo momento, in sostanza, non mettono le basi per alleanze durevoli e rischiano di essere respinte dai militanti di entrambe le parti; e il cittadino comune si chiede per l’ennesima volta: ma un po’ più di chiarezza, proprio no ?

Vincenzo Montuori Cremona

22 agosto 2020

441 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online