Martedì, 16 agosto 2022 - ore 17.57

Regno Unito: la manipolazione del discorso "salute mentale"

| Scritto da Redazione
Regno Unito: la manipolazione del discorso

"Psychogeddon" nel Regno Unito: la manipolazione del discorso "salute mentale"
di Dominik Ritter, psicologo -13 Maggio 2011
Continuiamo a sentire di orde di pazzi pericolosi che vagando per le nostre strade aspettano solo di farci cose che non si possono descrivere. Ma non temere! La polizia della salute mentale è qui per proteggerci da tutti quegli psicopatici impazziti! La realtà, come al solito, è una storia molto diversa da quella che si racconta. Secondo l'ultimo rapporto del centro britannico d'informazione per la sanità e assistenza sociale (NHS, UK, ottobre 2010) c'erano oltre trentamila ricoveri negli ospedali psichiatrici in Inghilterra nel 2009/10 - un aumento del 7,3 % dal 2008/09. Solo il 7% di questi ricoveri si è verificato attraverso il sistema di giustizia penale, vale a dire trasferimenti di detenuti dalla prigione al centro psichiatrico giudiziario in seguito a disposizioni della Corte (persone che pur avendo già scontato parte della loro pena nelle prigioni, sarebbero state poi recluse in un ospedale psichiatrico per un tempo ben più lungo di quello che avrebbero altrimenti passato in prigione per i loro crimini). Questo naturalmente significa che la stragrande maggioranza delle persone incarcerate in ospedali psichiatrici non è accusata di alcun crimine. Ma allora dov'è tutta questa pericolosità sociale?
Mi sembra che abbiamo a che fare con un panico morale piuttosto che con una reale minaccia per la società posta dai cosiddetti malati mentali. Cos'è esattamente il panico morale? Si può concepire come controversie che coinvolgono argomenti e tensioni sociali tra diversi gruppi e che sembrano minacciare l'ordine sociale. Stanley Cohen, autore di "Folk devil and moral Panic" (1972), ha dichiarato che il panico morale si verifica quando "una condizione, episodio, persona o gruppo emerge e viene definito come una minaccia agli interessi e valori della società." Coloro che danno inizio al panico quando temono una minaccia ai valori sociali o culturali prevalenti sono spesso indicati come imprenditori morali (ad esempio gli attivisti della salute mentale) mentre le persone che presumibilmente minacciano l'ordine sociale sono comunemente chiamate "demoni" (ad esempio persone definite come "malati"). Un demone è una persona (o un gruppo di persone) che è ritratta come estranea e deviante (ad esempio perché trasgredisce ad alcune norme sociali e convenzioni come l'avere differenti credenze e valori, l'assunzione di sostanze illegali, essere disoccupati, poveri, senza dimora, ecc.). Questi sono accusati di crimini o altri tipi di problemi sociali quali la scomparsa della moralità e della tradizione, povertà e malattia tramite pervasive campagne di ostilità attraverso il gossip e la diffusione dei miti (ad esempio, "la malattia mentale esiste ed è causata da uno squilibrio di sostanze chimiche nel cervello" o "i pazienti mentali sono pericolosi", ecc.).
 
I media hanno operato a lungo come agenti d'indignazione morale e spesso entrano in azione e traggono profitto dal seminare una quantità infinita di storie dell'orrore. In relazione a questo Cohen (1972) ha delineato il fenomeno di pubblicità mediatica a martello che consiste nel crescente reporting di eventi o comportamenti indesiderati. Questo di solito inizia con qualche atto deviante che è sia penale (omicidio, stupro) o considerato dalla società tradizionale essere moralmente ripugnante (per esempio il suicidio o l'autolesionismo). I casi di tale devianza sono spesso presentati come solo la punta dell'iceberg, insinuando che il numero effettivo di casi sia nettamente più alto rispetto a quelli che conosciamo. Il problema viene ingigantito, e alcuni eventi rari iniziano essere percepiti come più comuni. Il conseguente aumento delle preoccupazioni dell'opinione pubblica su benessere, sicurezza e protezione, tipicamente conduce a interventi statali come i politici che passano nuove leggi per affrontare la minaccia percepita (tipicamente, leggi che restringono i diritti umani) e vari sistemi di applicazione di legge (ad esempio, psichiatri, assistenti sociali) concentrano più risorse su quelle stesse problematiche (ad esempio ricoveri forzati e detenzione di persone che vengono definite malati mentali o la rimozione dei bambini dai loro genitori).
Vorrei concludere affermando che è un compito molto difficile sfidare la disinformazione diffusa dalla lobby della salute mentale - per esempio mettendo in dubbio l'esistenza della malattia mentale, o la pericolosità delle persone definite mentalmente malate. Questo è così perché evidentemente i sostenitori di punti di vista alternativi sono molto meno potenti delle aziende farmaceutiche internazionali e degli affiliati dei servizi di salute mentale. Troppo denaro e potere sembrano essere in gioco.
L'ideologia della salute mentale, inoltre, offre spiegazioni e soluzioni molto semplici e convenienti a quei problemi della società attribuiti a un gruppo di pazzi che si ritiene soffrano di gravi problemi di salute mentale per i quali presumibilmente richiedono trattamento psichiatrico. Nomi spaventosi e altisonanti (come schizofrenia, psicosi maniaco-depressiva, disturbo antisociale di personalità) sono stati inventati dagli attivisti di salute mentale per ingannare le persone, facendo loro credere che ci sia qualcosa di gravemente sbagliato in alcune persone e che sarebbe meglio averle rinchiuse, drogate e sottoposte a elettroshock.
Come già detto, l'imprigionamento prolungato dei cosiddetti malati mentali in ospedali psichiatrici non sembra davvero avere nulla a che fare con crimini reali, ma più con cosa pensa e come si sente riguardo se stesso, gli altri e il mondo in generale. Si potrebbero descrivere questi tipi di comportamento come crimini di pensiero o reati contro un'ideologia di salute mentale per i quali uno deve pagare con la propria salute e libertà.
Dominik Ritter è uno psicologo, scrittore, conferenziere, critico sociale e fondatore del partito delle Pantere blu, un gruppo di critici della psichiatria.
 
Il Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani raccomanda di informarsi attentamente, di non accettare facili diagnosi psichiatriche sia per se stessi che per i propri figli, ma richiedere accurate analisi mediche.
Comitato dei Cittadini per i Diritti umani onlus
Email info@ccdu.org
www.ccdu.org

Fonte articolo:
http://www.cchrint.org/2011/05/13/psychogeddon-in-the-uk-the-manipulation-of-mental-health-discourse/

1349 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria

BRUXELLES\ aise\ L’INTELLIGENZA ARTIFICIALE PER LA PREVENZIONE E LA CURA DEL CANCRO: 35 MILIONI DI EURO DALL’UE

BRUXELLES\ aise\ L’INTELLIGENZA ARTIFICIALE PER LA PREVENZIONE E LA CURA DEL CANCRO: 35 MILIONI DI EURO DALL’UE

La Commissione europea ha aperto oggi, 9 luglio, un invito a presentare proposte, con uno stanziamento di 35 milioni di euro, a favore dello sviluppo dell’analisi delle immagini medicali per la diagnosi del cancro, basata sull’intelligenza artificiale, e di altri strumenti e tecniche di analisi per la prevenzione, la previsione e la cura delle forme più comuni di cancro.