Sabato, 26 novembre 2022 - ore 19.49

SARDEGNA, BALOTTA (ONLIT):SERVE NUOVO MODELLO APERTO A TUTTE COMPAGNIE AEREE

Con la transizione Alitalia-Ita (il cui esito sarà tutto da vedere) stanno venendo al pettine tutti i nodi che riguardano il trasporto aereo

| Scritto da Redazione
SARDEGNA, BALOTTA (ONLIT):SERVE NUOVO MODELLO APERTO A TUTTE COMPAGNIE AEREE

SARDEGNA, BALOTTA (ONLIT): BASTA CONTINUITÀ TERRITORIALE, SERVE UN NUOVO MODELLO APERTO A TUTTE  LE COMPAGNIE AEREE

Con la transizione Alitalia-Ita (il cui esito sarà tutto da vedere) stanno venendo al pettine tutti i nodi che riguardano il trasporto aereo nel nostro Paese.

Compreso quello della continuità territoriale sarda, come dimostra l'ennesima impasse per l'individuazione della compagnia aerea a cui erogare i contributi pubblici per la gestione dei collegamenti con il continente. L'attuale modello è da rivedere perché produce più costi che benefici. L’unica continuità che ha assicurato è quella dei ricchi introiti garantiti all'ex compagnia di bandiera grazie ai sussidi pubblici.

Il rinnovo della convenzione con la regione Sardegna per i voli a tariffa agevolata per i residenti nell’isola è una buona occasione per sostituire i finanziamenti per la continuità territoriale aerea (ovvero per i collegamenti tra Cagliari e Milano e Cagliari e Roma) con un altro meccanismo di tutela dei sardi.

La continuità territoriale è nata quando c’erano solo due compagnie che operavano in regime esclusivo da aeroporti separati: Alitalia da Alghero e Cagliari, e Meridiana da Olbia. Oggi invece Easy Jet, Vueling, Ryanair, Volotea, Fly Wey e altre compagnie sono in grado di rispondere al mercato dei trasporti in regime di libera concorrenza.

Con la liberalizzazione dei cieli europei, infatti, la continuità territoriale e i sussidi pubblici sono diventati più costosi degli sconti tariffari che si praticano grazie ai sussidi, e che finiscono col pesare inutilmente sui contribuenti. 

Le regioni ultraperiferiche dell'Unione europea e i territori d'oltremare degli Stati membri possono beneficiare di disposizioni sulla continuità territoriale solo per garantire i servizi di trasporto agli abitanti in regioni veramente disagiate, o per rafforzare la coesione tra le diverse aree di uno stesso Stato, superando svantaggi connessi alla loro lontananza, irraggiungibilità o di difficile accesso.

In Portogallo, la regola è che i passeggeri residenti nelle isole e nelle ex colonie vengono rimborsati (fino a 190 euro), senza passare per le compagnie.

 È quindi giunta l’ora di abolire questa normativa protezionista e superata anche socialmente. La caratteristica fondamentale della continuità territoriale, infatti, e la sua base normativa di servizio pubblico, non esistono più: quindi non sussiste più il bisogno di derogare dai principi della concorrenza.

Dario Balotta    presidente ONLIT  Osservatorio Nazionale Liberalizzazioni Infrastrutture e Trasporti

Milano 8 ottobre 2021

O.N.L.I.T. – V.le Caldara 9 20122 MILANO c/o Studio Associato Mele – tel.02-9004114 | 02-6596567 | cell.3356361874

 

 

 

580 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online