Sabato, 14 dicembre 2019 - ore 06.46

Si riparla ancora una volta della cava di Cà delle Mosche (Alvaro Dellera,Crema)

Lettera aperta inviata al Presidente della Provincia di Cremona ed ai rappresentanti delle forze politiche di Crema

| Scritto da Redazione
Si riparla ancora una volta della cava di Cà delle Mosche (Alvaro Dellera,Crema)

Si riparla ancora una volta della cava di Cà delle Mosche (Alvaro Dellera,Crema)

Lettera  aperta inviata al Presidente della Provincia di Cremona ed ai rappresentanti delle  forze politiche  di Crema

La provincia di Cremona nella riunione del primo di febbraio 2019 ha deliberato di rivedere il piano cave 2013-2023.

Tale decisione pare essere scaturita dall’esigenza di rivedere i diversi fabbisogni assegnati ai diversi ATE provinciali ( ambiti territoriali estrattivi) dallo stesso piano cave essendo cambiato il fabbisogno provinciale a causa della crisi edilizia privata e pubblica e per la cessata attività di alcune aziende estrattive.

Questa deliberazione di fatto apre la strada a quell’unica azienda estrattiva di cui il TAR  accolse nel 2017  il ricorso. Appunto quella di Crema.

Perciò la nuova proposta di revisione del Piano provinciale cave obbligatoriamente dovrà inserire anche la contestatissima cava di Crema, posta in località cascina Galvagnino a lato del rondo’ di Cà delle Mosche.

E’ auspicabile che le note problematiche elencate a suo tempo e  legate appunto all’apertura di una nuova cava nel comune di Crema siano prese in esame durante la fase di studio di revisione del piano cave provinciale che scadrà nel 2023.

Una domanda però conviene porgerVi . Era proprio obbligatorio aprire un’iter così complesso e spesso controverso e contestato  (vedi  ricorsi al TAR) per una cura dimagrante in termini di quantitativi estraibili di sabbia e ghiaia in provincia di Cremona?

 Alvaro Dellera Crema

alvarodellera@gmail.com

 

 

 

594 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online