Giovedì, 02 luglio 2020 - ore 20.19

SOSTEGNO ESSENZIALE IN OCCASIONE DI 11 CATASTROFI NATURALI

La Commissione europea ha pubblicato questa settimana la relazione sulle attività del Fondo di solidarietà dell’UE (FSUE) per il 2017 e il 2018, che sottolinea il grande valore aggiunto del Fondo nel fornire sostegno di emergenza e per la ripresa e nel ridurre gli oneri finanziari per le autorità nazionali e regionali.

| Scritto da Redazione
SOSTEGNO ESSENZIALE IN OCCASIONE DI 11 CATASTROFI NATURALI

La Commissione europea ha pubblicato questa settimana la relazione sulle attività del Fondo di solidarietà dell’UE (FSUE) per il 2017 e il 2018, che sottolinea il grande valore aggiunto del Fondo nel fornire sostegno di emergenza e per la ripresa e nel ridurre gli oneri finanziari per le autorità nazionali e regionali.

Nel 2017 e nel 2018, la Commissione ha ricevuto 15 richieste di mobilitazione del Fondo e ne ha accettate 12. Il contributo finanziario complessivo concesso è stato di 1,35 miliardi di euro, incluso il contributo senza precedenti di 1,2 miliardi di euro per la ricostruzione in seguito ai terremoti in Italia centrale nel 2017.

“Il Fondo di solidarietà dell’UE è una delle espressioni più concrete della solidarietà dell’Unione”, ha sostenuto la Commissaria per la Coesione e le riforme,

Elisa Ferreira. “Offre sostegno finanziario a lungo termine agli Stati membri colpiti da catastrofi naturali e aiuta i cittadini e le regioni che ne subiscono le conseguenze. Ci ricorda inoltre l’importanza di investire nella prevenzione e nell’attenuazione dei cambiamenti climatici, in linea con le priorità del Green Deal europeo”.

Il Fondo di solidarietà dell’UE è stato istituito nel 2002 in risposta a gravi inondazioni in Europa centrale. Gli Stati membri possono richiedere il sostegno del Fondo se i danni complessivi provocati dalla catastrofe naturale superano una certa soglia. Finora il Fondo ha mobilitato oltre 5,5 miliardi di euro per interventi in occasione di 87 eventi catastrofici in 23 Stati membri e in un paese candidato all’adesione (la Serbia).

Gli Stati membri colpiti da una catastrofe naturale possono richiedere un sostegno supplementare tramite il meccanismo di protezione civile dell'UE e RescEU e i volontari del Corpo europeo di solidarietà possono partecipare alle operazioni finalizzate alla ripresa del territorio.

Tra il 2014 e il 2020 l’UE ha investito ulteriori 8 miliardi di euro per la lotta ai cambiamenti climatici e la prevenzione dei rischi tramite la politica di coesione. 

 

 

fonte aise

286 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online