Lunedì, 10 agosto 2020 - ore 21.22

Stati Generali, centrodestra unito dice no

Salvini: ''Non ci servono passerelle''

| Scritto da Redazione
Stati Generali, centrodestra unito dice no

Pronti al confronto, ma solo in sedi istituzionali, ossia in Parlamento. Quindi no alla partecipazione agli Stati Generali dell'economia il cui inizio, a questo punto, slitta a sabato, visto che proprio per domani, venerdì 12 giugno, era previsto il via con il confronto con l'opposizione. Nel centrodestra, invece, la linea che ha prevalso dopo la riunione di ieri, è stata quella dettata da Giorgia Meloni, fin dal primo momento contraria ad accettare l'invito del Premier Giuseppe Conte a Villa Pamphili.

Matteo Salvini era entrato dicendo: "Sono una persona educata, se mi invitano vado". Ma è uscito dalla riunione con un'idea completamente diversa:

"Gli italiani non hanno bisogno di altri show e passerelle. Il luogo del confronto e della discussione è il Parlamento, non sono le ville o le sfilate. 60 milioni di persone non possono dipendere dall’umore di Rocco Casalino"

Giorgia Meloni, invece, non ha mai cambiato idea:

"Noi non partecipiamo a passerelle nelle ville, gli Stati Generali per noi sono il Parlamento della Repubblica, se ci si vuole confrontare con noi lo si fa nelle sedi istituzionali"

Forza Italia era il partito di centrodestra più aperto al confronto, ma alla fine si è piegato alla volontà di Giorgia Meloni. Il vicepresidente Antonio Tajani ha commentato:

"Siamo disponibili a confrontarci con il governo sui contenuti a palazzo Chigi, prima degli Stati Generali. Abbiamo sempre risposto positivamente agli appelli: siamo disponibili a confrontarci con il governo sui contenuti a palazzo Chigi per illustrare le nostre idee e proposte per rilanciare l'economia del nostro Paese"

Tutti e tre i partiti hanno detto di essere "pronti a confrontarsi con il governo in qualsiasi momento, ma soltanto in occasioni e sedi istituzionali", ma qualcuno ha anche messo in evidenza come sia meglio non partecipare a un evento che avrà costi organizzativi "a carico degli italiani, che in questo momento non hanno certo soldi da buttare". Intanto il Premier Conte ha già replicato dicendo che Villa Pamphili è da considerare una sede istituzionale in questi giorni.

205 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria