Lunedì, 14 ottobre 2019 - ore 10.49

Termini Imerese: sette progetti, cauto ottimismo

| Scritto da Redazione
Termini Imerese: sette progetti, cauto ottimismo

Fiat Termini Imerese: sette progetti, cauto ottimismo
Il ministro Romani presenta le offerte per l'area siciliana. Prossimo incontro a metà gennaio con sindacati e imprese. Scudiere (Cgil): "Soddisfazione". "Landini (Fiom): "Bene progetti, ma valutiamoli nel dettaglio". Cisl, Uil e Ugl: "Giornata positiva"
Bene i progetti, ma prima è il caso di conoscerli più nel dettaglio. E' questo il commento dei sindacati all'annuncio del ministro dello sviluppo economico Paolo Romani della presentazione di sette progetti da parte di imprenditori sull'area siciliana per lo stabilimento Fiat di Termini Imerese.
Sono stati presentati i sette progetti, che complessivamente hanno un numero di occupati superiore a quelli attualmente impiegati nell'area", ossia circa 2.200 (1.617 per il solo stabilimento Fiat, circa 300 per l'indotto diretto e altri 300 per l'indotto indiretto)", ha detto Romani al termine dell'incontro al ministero con aziende e sindacati .
Per il ministro "siamo sulla buona strada" e da parte dei sindacati "ci sono state reazioni positive. Abbiamo la possibilità di fare di Termini Imerese un caso di scuola nella risoluzione delle crisi aziendali". I sette progetti, sottolinea Romani, "sono compatibili tra di loro e si possono aggiungere uno all'altro".
Tra 15 e il 20 gennaio poi, annuncia il ministro, sarà firmato al dicastero "un accordo di programma con il ministero, la Regione Sicilia, gli enti locali e Invitalia. Poi - sottolinea il ministro - ci incontreremo nuovamente con i sindacati e con le aziende". Romani intanto esclude di incontrare l'ad di Fiat Sergio Marchionne che oggi e' a Roma: "Non è previsto nessun incontro", sottolinea Romani.
Per il segretario confederale Cgil Vincenzo Scudiere è "positivo che si passi dalle manifestazioni di interesse a piani di impresa" ed è "giusto accelerare per arrivare ai progetti. Quando si crea qualche posto di lavoro in più – conclude - c'è sempre soddisfazione".
"Soddisfazione è una parola grossa. Su Termini Imerese è stato fatto un lavoro positivo nella selezione dei progetti. Ora bisogna verificare rapidamente i contenuti dei progetti". E' quanto ha detto al termine dell'incontro il segretario generale della Fiom Maurizio Landini, che accoglie positivamente l'incontro convocato già per la seconda metà del mese di gennaio.
"E' positivo un incontro già intorno al 15 gennaio. Sarà decisivo per valutare la credibilità dei piani e le prospettive occupazionali". Comunque, sottolinea Landini, "meglio restare cauti ed aspettare di avere certezze sui progetti concreti che possono essere realizzati anche se è positivo un allargamento delle attività industriali dell'area". Tuttavia, aggiunge ancora Landini, "serve che Fiat non si limiti a fare da osservatore e contribuisca a trovare delle soluzioni. Serve la responsabilità sociale dell'azienda". Su Fiat, comunque, conclude il segretario generale delle tute blu della Cgil, "resta aperto tutto il resto del problema. Siamo ancora in attesa di discutere il piano dell'azienda torinese".
Anche il segretario confederale della Uil Paolo Pirani parla di "giornata positiva" per il mantenimento della vocazione automobilistica di Termini Imerese. "Da una situazione grave c'è la possibilità di uno sviluppo industriale". Cristina Ricci (Ugl) esprime "cauta soddisfazione. Importante è garantire il livello di occupazione in un territorio dove l'uscita di Fiat aveva creato panico". Pure la Fim ha apprezzato il lavoro svolto dal Governo e dall'advisor Invitalia, che "tiene conto - ha detto il segretario generale Giuseppe Farina - dell'urgenza di trovare soluzioni solide per Termini Imerese. È una proposta interessante, sarebbe un caso di scuola se riuscissimo a dare lavoro a tutti. C'è un piano di investimenti anche sostanzioso, circa un miliardo di euro, di cui la parte minima come sostegno pubblico (184 milioni) e questo è un punto di criticità". Il leader della Uilm, Rocco Palombella, ritiene invece che il lavoro svolto sia "abbastanza positivo". Ma ha chiesto chiarezza sui "tempi di realizzazione dei singoli progetti".

fonte: http://www.rassegna.it/articoli/2010/12/21/69846/termini-imerese-sette-progetti-cauto-ottimismo

1288 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria

BRUXELLES\ aise\ PRESENTATA LA RELAZIONE EUROPEA SULLA DROGA 2018

BRUXELLES\ aise\ PRESENTATA LA RELAZIONE EUROPEA SULLA DROGA 2018

Il Commissario europeo per la Migrazione, gli affari interni e la cittadinanza, Dimitris Avramopoulos, e il direttore dell'Osservatorio europeo delle droghe e delle tossicodipendenze (OEDT), Alexis Goosdeel, hanno presentato questa settimana la relazione europea sulla droga 2018, che fornisce un'analisi esaustiva delle ultime tendenze del consumo di droga nei 28 Stati membri dell’UE, in Turchia e in Norvegia.