Mercoledì, 18 luglio 2018 - ore 08.23

Un libro sull’ emigrazione verso gli Stati Uniti|Michele Cecchini

A metà aprile, è prevista l'uscita del secondo romanzo di Michele Cecchini che ha per oggetto una storia di emigrazione verso gli Stati Uniti.

| Scritto da Redazione
Un libro sull’ emigrazione verso gli Stati Uniti|Michele Cecchini Un libro sull’ emigrazione verso gli Stati Uniti|Michele Cecchini

Si tratta della storia di un'emigrazione anomala, perché non dettata da necessità economiche. Si svolge negli anni '30 e il protagonista decide di emigrare negli Stati Uniti per tentare di fare carriera nel circuito dei teatri  Off-Broadway. Lavorerà anche per un anno a Hollywood, come controfigura di Charlie Chaplin. Sul set, in pratica, ha il compito di sostituire Chaplin nella predisposizione delle scene: su di lui i tecnici tarano le luci, impostano il piano dell'inquadratura, la distanza e l'altezza della macchina da presa, la definizione degli spazi e dei movimenti.

Il romanzo "Per il bene che ti voglio" di Michele Cecchini, uscito in questi giorni per le Edizioni Erasmo, si basa su elementi reali e altri di fantasia, ed è  impreziosito dall'impianto linguistico: è finora una delle poche opere  di narrativa che contempla l'uso dell'ITALIESE (per il quale l'autore ha approntato anche un piccolo vocabolario), ovvero la lingua parlata dagli emigrati di prima generazione, uno strano miscuglio di inglese e italiano frutto di un'identità non più italiana e non ancora americana.

Tanto per fare un esempio: se il protagonista lavora nel "muvinpicce" (moving pictures), un suo amico fa lo "sciabolatore di Re Erode" (così  gli italiani traducevano a modo loro "shevellers of the Rail Road",ovvero gli spalatori della ferrovia).

E poi ci sono le ambientazioni: la Garfagnana, la zona montuosa della Lucchesia, una terra aspra e allo stesso tempo luogo di leggende e favole.

Elegante e degradata, gelida e solare, accogliente e crudele, San Francisco esalta e sottopone a cocenti delusioni i suoi figli e i suoi figliastri: tra questi gli ultimi, i Dagos, gli emigrati di origine italiana.

Il romanzo vanta il supporto/collaborazione di vari enti e associazioni: Lucchesi nel  mondo, FAI (Teatrino di Vetriano); Fondazione Cresci, Iacobucci Centre  for italian studies di Toronto, The Murer House Learning Center di San  Francisco e altri.

Il romanzo verrà presentato via via in Italia e, a fine estate, negli Stati Uniti, proprio presso alcuni centri studio e comunità di italo-americani.

Michele Cecchini è al suo secondo romanzo, dopo l'uscita nel 2010 di "Dall'aprile a shantih".

In allegato un file di presentazione in pdf

Michele Cecchini  ventodirovaio@gmail.com

Allegati Pdf:

Allegato PDF 1

Allegato PDF 2

1126 visite

Articoli della stessa categoria

YEMEN RAPPORTO DI AMNESTY GLI OSTACOLI AGLI AIUTI METTONO A RISCHIO LA VITA DI MILIONI DI PERSONE

YEMEN RAPPORTO DI AMNESTY GLI OSTACOLI AGLI AIUTI METTONO A RISCHIO LA VITA DI MILIONI DI PERSONE

In evidenza: la coalizione militare guidata dall'Arabia Saudita continua a imporre ostacoli all'ingresso nello Yemen di forniture essenziali e queste restrizioni sempre più stringenti potrebbero costituire crimini di guerra; nelle zone minacciate dalla fame, le autorità "di fatto" huthi ritardano in modo eccessivo le forniture di assistenza umanitaria e a volte chiedono tangenti per farle passare.
TURCHIA, CONTRO OGNI LOGICA RESTA IN CARCERE IL PRESIDENTE DI AMNESTY

TURCHIA, CONTRO OGNI LOGICA RESTA IN CARCERE IL PRESIDENTE DI AMNESTY

TURCHIA, CONTRO OGNI LOGICA RESTA IN CARCERE IL PRESIDENTE DI AMNESTY Commentando il prolungamento della detenzione del difensore dei diritti umani e presidente onorario di Amnesty International Turchia Taner Kiliç al termine dell'udienza del 21 giugno, il segretario generale di Amnesty International Salil Shetty ha rilasciato la seguente dichiarazione: "La decisione di continuare a tenere in prigione il nostro collega ci spezza il cuore e rappresenta un'altra parodia della giustizia. Dopo oltre un anno lontano dalla sua famiglia e senza uno straccio di prova credibile a sostegno delle assurde accuse nei suoi confronti, il crudele prolungamento della sua detenzione sfida ogni logica".
LIBIA, DERNA SOTTO ASSEDIO: AMNESTY  SOLLECITA PROTEZIONE PER I CIVILI

LIBIA, DERNA SOTTO ASSEDIO: AMNESTY SOLLECITA PROTEZIONE PER I CIVILI

A seguito dell'escalation della crisi umanitaria nella città assediata di Derna, Amnesty International ha chiesto al leader dell'Esercito nazionale libico (Enl), il generale Khalifa Haftar, e a tutte le parti coinvolte nel conflitto di aprire urgentemente corridoi umanitari per fornire assistenza imparziale e salvare le vite dei civili ancora intrappolati mentre i soldati dell'Enl continuano ad avanzare in vista della presa della città.