Giovedì, 13 maggio 2021 - ore 04.55

Usa.Braccio di ferro sul bilancio

| Scritto da Redazione
Usa.Braccio di ferro sul bilancio

USA: TRA DEMOCRATICI E REPUBBLICANI È BRACCIO DI FERRO SUL BILANCIO
Il Senato a maggioranza democratica favorevole a uscite importanti per Welfare, sanità e infrastrutture, mentre la Camera dei Rappresentanti repubblicana supporta il taglio della spesa. Il Presidente democratico Barack Obama necessita ora una mediazione
Due bilanci per due Camere del Parlamento, ed una crisi economica da risolvere in una situazione di respiro mondiale.
Sabato, 23 Marzo, il Senato degli Stati Uniti d'America ha approvato un progetto di bilancio, dopo che la Camera dei Rappresentanti ha a sua volta votato una sua proposta per il budget.
Il varo di due proposte differenti su una questione di rilevanza fondamentale è dovuta alla compresenza di una maggioranza democratica al Senato, e di una maggioranza repubblicana alla Camera dei Rappresentanti.
La differenza è anche legata ad un motivo ideologico: mentre il Senato sostiene il piano del Presidente USA, il democratico Barack Obama, volto a tenere alta la spesa pubblica per dare ossigeno all'economia, alla Camera dei Rappresentanti i repubblicani sostengono misure di austerità.
Nello specifico, il bilancio del Senato, redatto dal democratico Patty Murray, prevede il reperimento di risorse da parte dei singoli stati per sostenere il Welfare, le assicurazioni sanitarie, agevolare il reinserimento dei lavoratori, ed incentivare la realizzazione di infrastrutture.
Il bilancio approvato dai democratici riduce inoltre i sussidi alle banche, e da il via libera alla costruzione dell'oleodotto Keystone XL, concepito per veicolare greggio dal Canada al Golfo del Messico.
Differente è la proposta dei repubblicani che, come comunicato dal Deputato Paul Ryan, prevede il congelamento dell'aumento dell'imposizione fiscale, e tagli alle uscite del budget per Welfare e sanità.
Ryan ha anche sostenuto la necessità di bilanciare le uscite con le entrate per arginare il debito pubblico nell'immediato.
La presenza di due proposte approvate mette ora in chiaro i termini su cui il Presidente Obama è chiamato a negoziare per porre fine ai tagli automatici alla spesa pubblica, scattati in seguito alla mancata approvazione del budget nazionale entro lo scorso Primo di Marzo.
Malgrado le divergenze, le possibilità di un compromesso tra i due rami del Parlamento è possibile, soprattutto vista la necessità dell'approvazione di un bilancio nella più grande nazione libera del Mondo.
Matteo Cazzulani
Welfare Network

1230 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria