Martedì, 07 luglio 2020 - ore 21.10

Zaia: ''Nessuna scalata al partito, Salvini può stare tranquillo''

Il presidente del Veneto è stato intervistato da La Stampa

| Scritto da Redazione
Zaia: ''Nessuna scalata al partito, Salvini può stare tranquillo''

Il governatore del Veneto Luca Zaia replica alle voci che si rincorrono sulla sua scalata ai vertici della Lega, dopo che anche l’autorevole Financial Times lo ha definito astro nascente del partito: "Nessuna scalata al partito, Salvini stia tranquillo" spiega Zaia a La Stampa.

"Lo dico chiaro e tondo, così tranquillizzo tutti: non voglio dare la scalata né al mio partito né a Palazzo Chigi" aggiunge il governatore che poi si rivolge al premier Giuseppe Conte in merito al Mes: "Se fossi Conte avrei intanto fatto chiarezza sulle modalità del prestito. Se sono così buone, cosa aspetta? Credo che abbia ragione la Lega a dire che così buone non sono".

Zaia incalza il governo: "Da quanti mesi si parla del Mes o del Recovery fund? Però ancora non sono stati adottati. Conte dice che passerà per la via parlamentare. Benissimo, ma così viene da pensare che le condizioni non siano né così chiare né così vantaggiose come si dice. Io in ogni caso, non le ho ancora capite".

Secondo Zaia comunque: "L’Europa ha brillato solo per menefreghismo e pressapochismo. Non è stata nemmeno capace di coordinare la riapertura delle frontiere. Io sono un europeista convinto da sempre, ma un'Europa così è da rifare".

Tornando all’Italia e all’emergenza coronavirus, il governatore veneto afferma che a vincere sono state "le regioni. In pochi mesi siamo passati da 'le regioni bisogna chiuderle' a 'i governatori sono i salvatori della Patria'. Esagerazioni entrambe. Però i padri costituenti hanno avuto ragione ad affidare la sanità alle regioni. Se l'emergenza fosse stata gestita tutta da Roma, la strage sarebbe stata anche peggiore".

Secondo Zaia: "La lezione è che lo Stato funziona se è federale e se le regioni hanno l'autonomia. Per questo continuerò a battermi per una maggiore autonomia. È la partita decisiva e non è affatto chiusa", avverte l’esponente del Carroccio.

118 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria