Venerdì, 12 agosto 2022 - ore 23.09

L'ALBANIA PASSA A SINISTRA

| Scritto da Redazione
 L'ALBANIA PASSA A SINISTRA

La coalizione del Partito Socialista di Edi Rama e del Movimento Socialista per l'Integrazione di Ilir Meta non cambia le priorità euro-atlantiche della politica estera albanese. Finita l'era del conservatore-liberale Sali Berisha

Cambia il colore del Governo, ma non le priorità. Nella giornata di Domenica, 15 Settembre, il Parlamento albanese ha votato la fiducia al nuovo Governo presieduto da Edi Rama, retto da una coalizione del Partito Socialista -PS, guidato dal Premier Rama- e dal Movimento Socialista per l'Integrazione -LSI- di Ilir Meta.

Alle ultime elezioni, la coalizione di sinistra ha ottenuto il 57,7% dei consensi, mentre il conservatore-liberale Partito Democratico -PD- dell'ex-Premier Sali Berisha ha ottenuto solo il 39,9% dei voti degli aventi diritto.

Il risultato elettorale ha comportato il primo cambiamento nella storia politica dell'Albania, dove, dal 1992, a Governare è stato ininterrottamente Berisha, che, spesso, è stato protagonista di un duro scontro con l'opposizione, culminato nel 2009 con la paralisi del Parlamento e il blocco dell'attività politica nel Paese.

Il cambio di Maggioranza non segna tuttavia un cambiamento sostanziale della politica estera ed interna, poiché i programmi elettorali del PD e del PS pongono entrambi come priorità l'integrazione nell'Unione Europea e nella NATO, e il rafforzamento dei rapporti con gli Stati Uniti d'America e con i Paesi confinanti come il Kosovo.

Per quanto riguarda l'UE, lo svolgimento regolare delle elezioni può essere la chiave di volta per accelerare il processo di integrazione dell'Albania nell'Unione, poiché proprio l'Europa ha posto il verificarsi di consultazioni elettorali regolari e corrette come condicio sine qua non per l'avvio dell'iter di avvicinamento albanese.

Ad aiutare la coalizione di sinistra nel processo di integrazione nell'UE sono anche una serie di risoluzioni che il precedente Governo moderato ha varato lo scorso Maggio, e che prevedono una riforma della giustizia, del funzionamento del Parlamento e del Servizio Civile.

Differenze, invece, possono palesarsi nel Governo per quanto riguarda la politica interna, in quanto, da un lato, il Premier Rama ha dichiarato la volontà di riformare il settore della Giustizia, mentre il suo partner di coalizione Meta è indagato per corruzione.

Il Governo albanese protagonista nella politica energetica dell'UE

Sul piano energetico, un'eredità da Berisha che si trova ora il Premier Meta è la realizzazione del Gasdotto Trans Adriatico -TAP- che rende il Paese uno dei più importanti Stati di transito del gas proveniente dall'Azerbaijan in Europa.

La TAP, che è stata ritenuta dalla Commissione Europea un progetto indispensabile per la diversificazione delle forniture di gas dell'UE, rafforza la posizione dell'Albania nei confronti dell'Unione, che, ora, ha tutto l'interesse ad integrare un importante Paese per la sicurezza energetica dell'Europa.

La TAP, compartecipata economicamente dal colosso energetico azero SOCAR, da quello britannico British Petroleum, da quello norvegese Statoil, dalla compagnia francese Total, dalla belga Fluxys, dalla tedesca E.On e dalla svizzera AXPO, è progettata per trasportare 10 Miliardi di metri cubi di gas dell'Azerbaijan all'anno dalla Grecia in Italia attraverso l'Albania.

Supportata politicamente dai Governi di Italia, Grecia, Albania, Croazia, Bosnia-Erzegovina e Montenegro, la TAP potrà essere prolungata per raggiungere i mercati dell'Europa Nord-Occidentale in Svizzera, Germania, Francia, Paesi Bassi, Belgio, fino alla Gran Bretagna.

Matteo Cazzulani

Freelance Journalist

m.cazzulani@gazeta.pl

http://matteocazzulani.wordpress.com

http://matteocazzulaniinternational.wordpress.com

2013-09-19

1056 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria