Martedì, 27 settembre 2022 - ore 00.35

A Milano negato patrocinio della Regione Lombardia al Pride

Arcigay, 'sempre nel solco di quanto deciso negli ultimi anni'

| Scritto da Redazione
A Milano negato patrocinio della Regione Lombardia al Pride

Il Gay Pride di Milano del 2 luglio non avrà il patrocinio della Regione Lombardia, negato anche quest'anno dal Pirellone: "Quanto fatto dalla Regione - ha spiegato il presidente di Arcigay Milano Fabio Pellegatta - si inserisce nel solco di quello che abbiamo visto negli ultimi anni, nonostante quello che succede in Italia in termini di discriminazioni".

    Un'altra occasione persa, secondo Pellegatta, critico verso la linea tenuta dalla Regione soprattutto perché era "importante affermare le posizioni che hanno le istituzioni nei confronti di istanze di libertà come quelle che il Pride porta avanti".

     L'associazione, come ogni anno, ha fatto richiesta di patrocinio al Comune di Milano e alla Città metropolitana.

    Entrambe le istituzioni hanno risposto positivamente. Semaforo rosso, invece, dalla Regione Lombardia.

    "La demagogia e l'intolleranza di questa classe politica non hanno limiti", ha commentato il consigliere regionale del M5s Simone Verni sottolineando che il voto del Consiglio alla sua mozione a sostegno del Pride "aveva rappresentato un segnale, una speranza di un futuro fatto di maggiori diritti, più tollerante ed inclusivo".

    Circa due settimane fa, infatti, l'Aula aveva approvato con voto segreto una mozione che impegnava la giunta a garantire una presenza istituzionale alla manifestazione Lgbt con la partecipazione di un esponente della Regione, oltre all'illuminazione della facciata di Palazzo Pirelli con i colori della bandiera arcobaleno.

    "La Giunta al contrario, scegliendo di non patrocinare il Pride - ha concluso il pentastellato - ha voluto affrettarsi a riportare l'ordine vigente in modalità medioevo". (ANSA).

   

270 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria