Lunedì, 18 novembre 2019 - ore 08.16

AISE EGITTO: MEDAGLIE AI MILITARI ITALIANI IMPEGNATI NELLA MULTINATIONAL FORCE & OBSERVERS

Si è tenuta la scorsa settimana presso il quartier generale della Multinational Force & Observers (M.F.O.) a South Camp (Sharm El Sheik - Egitto) la cerimonia di consegna delle medaglie di partecipazione alla missione internazionale che vede impegnati gli equipaggi del 10° Gruppo Navale Costiero della Marina Militare.

| Scritto da Redazione
AISE  EGITTO: MEDAGLIE AI MILITARI ITALIANI IMPEGNATI NELLA MULTINATIONAL FORCE & OBSERVERS

AISE  EGITTO: MEDAGLIE AI MILITARI ITALIANI IMPEGNATI NELLA MULTINATIONAL FORCE & OBSERVERS

Si è tenuta la scorsa settimana presso il quartier generale della Multinational Force & Observers (M.F.O.) a South Camp (Sharm El Sheik - Egitto) la cerimonia di consegna delle medaglie di partecipazione alla missione internazionale che vede impegnati gli equipaggi del 10° Gruppo Navale Costiero della Marina Militare.

La cerimonia è stata presieduta dal Major General Simon Stuart, Comandante della Forza M.F.O., e ha visto la presenza dell'Ambasciatore Italiano in Egitto, Giampaolo Cantini, per testimoniare il riconoscimento del nostro Paese nei confronti del personale della Marina Militare italiana impegnato con continuità nella missione di pace in Sinai.

La Multinational Force & Observers è una forza multinazionale d'interposizione per il mantenimento della pace tra la Repubblica Araba d'Egitto e lo Stato d'Israele, nata in seguito agli accordi di Pace di Camp David del 17 settembre 1978. Dal 1982 la M.F.O. opera lungo tutta la penisola del Sinai grazie al contributo di 12 paesi (Australia, Canada, Colombia Isole Fiji, Francia, Nuova Zelanda, Norvegia, Gran Bretagna, Repubblica Ceca, Uruguay, USA e Italia), che contribuiscono alla missione con i propri contingenti allo scopo di "osservare", "verificare" e "riportare" ogni violazione al Trattato di Pace.

La Marina Militare assicura la Coastal Patrol Unit (CPU), la componente marittima della missione, con il 10° Gruppo Navale Costiero a cui sono assegnate 3 unità da pattugliamento della classe Esploratore e 75 militari, tra equipaggi e gruppo di supporto. Alla CPU è demandato il compito di pattugliare lo stretto di Tiran, unico collegamento del Golfo di Aqaba al Mar Rosso, e i suoi approcci da Sud e da Nord con la funzione principale di garantire la libertà di navigazione nel Golfo e segnalare eventuali violazioni al Trattato di pace. Gli assetti navali della CPU svolgono anche i tradizionali compiti istituzionali della Marina Militare fra cui il supporto alle autorità locali nelle operazioni di ricerca e soccorso in mare, di tutela dell'ambiente marino e di salvaguardia della vita umana in mare.

645 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online