Venerdì, 19 aprile 2019 - ore 01.08

AISE IN SVIZZERA LA RASSEGNA DEDICATA AI FRATELLI TAVIANI

ZURIGO\ aise\ - Ampia retrospettiva in Svizzera dedicata alla produzione cinematografica di Paolo e Vittorio Taviani, registi e sceneggiatori, attivi da oltre 50 anni e vincitori di prestigiosi riconoscimenti internazionali.

| Scritto da Redazione
AISE IN SVIZZERA LA RASSEGNA DEDICATA AI FRATELLI TAVIANI

AISE IN SVIZZERA LA RASSEGNA DEDICATA AI FRATELLI TAVIANI

ZURIGO\ aise\ - Ampia retrospettiva in Svizzera dedicata alla produzione cinematografica di Paolo e Vittorio Taviani, registi e sceneggiatori, attivi da oltre 50 anni e vincitori di prestigiosi riconoscimenti internazionali.

In programma presso lo Stadtkino di Basilea le pellicole più significative per ripercorrere le diverse tappe della carriera di questi maestri del cinema italiano, quali Sotto il segno dello scorpione (1969), Padre padrone (1977) e Kaos (1984).

Il 16 maggio alle ore 18.30, alla presenza di Paolo Taviani, sarà proiettato per la prima volta in Svizzera il loro ultimo film Una questione privata (2017), un triangolo amoroso sullo sfondo della lotta partigiana liberamente tratto dal capolavoro di Beppe Fenoglio. A partire dalle ore 20.30 il regista dialogherà con Till Brockmann, docente di cinematografia presso l’Università di Zurigo e collaboratore di diversi giornali, fra cui la NZZ.

Paolo e Vittorio nascono entrambi a San Miniato (PI), rispettivamente nel 1931 e nel 1929. Nel 1960 approdano al cinema come assistenti di Joris Ivens nel film tv L'Italia non è un paese povero. Nel 1962 dirigono con Valentino Orsini il film Un uomo da bruciare (1962). Lavorano con Ugo Tognazzi in I fuorilegge del matrimonio (1963) e nel 1967 anticipano gli avvenimenti del '68 con il film a episodi I sovversivi, per poi raggiungere il grande successo realizzando Sotto il segno dello scorpione (1969). Dirigono un perfetto Mastroianni in Allonsanfan (1974), e con Padre padrone, film sull'autoeducazione di un pastore sardo tratto dal libro di Gavino Ledda, ottengono la Palma d'Oro a Cannes nel 1977. Seguono Il prato (1979) e La notte di San Lorenzo (1982), poetico racconto di alcune fasi della guerra di Liberazione viste attraverso gli occhi di alcuni contadini, che vince il premio speciale della giuria a Cannes. Anche il successivo Kaos(1984), film a episodi tratti da Pirandello, diventa un grande successo di pubblico e critica, come Le affinità elettive (1986), trasposizione dell’omonimo romanzo di Goethe, e Good morning, Babilonia (1987). Negli anni '90 dirigono Fiorile (1993) e Ridi tu (1996), riduzione cinematografica della novella di Pirandello. Nel 2007 tornano al cinema con La masseria delle allodole e nel 2012 presentano Cesare deve morire. Loro ultimo lavoro Una questione privata, uscito nelle sale pochi mesi prima della morte di Vittorio Taviani.

La rassegna, organizzata dallo Stadtkino Basel in collaborazione con l’Istituto Italiano di Cultura di Zurigo, si svolgerà da mercoledì 2 maggio a sabato 16 giugno, nell'ambito della rassegna "Fare cinema" e della Prima Settimana del Cinema Italiano nel Mondo.

I film saranno proiettati in italiano con sottotitoli in tedesco e francese

356 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online