Mercoledì, 17 luglio 2019 - ore 20.48

Amnesty UN ANNO FA LA ‘PURGA DEGLI OMOSESSUALI’ IN CECENIA.

AMNESTY INTERNATIONAL ACCUSA LA RUSSIA: “ANCORA NIENTE GIUSTIZIA PER LE VITTIME”

| Scritto da Redazione
Amnesty UN ANNO FA LA ‘PURGA DEGLI OMOSESSUALI’ IN CECENIA.

Amnesty UN ANNO FA LA ‘PURGA DEGLI OMOSESSUALI’ IN CECENIA.

AMNESTY INTERNATIONAL ACCUSA LA RUSSIA: “ANCORA NIENTE GIUSTIZIA PER LE VITTIME”

A un anno di distanza da una serie di crimini omofobici, le autorità russe non hanno intrapreso alcuna azione concreta nei confronti della violenta persecuzione degli omosessuali in Cecenia.

Nessuno è stato chiamato a rispondere di fronte alla giustizia per la “purga degli omosessuali” rivelata un anno fa dal quotidiano Novaya Gazeta, durante la quale decine di uomini vennero rapiti, torturati e uccisi.

“All’epoca, quella denuncia scioccante proveniente dalla Cecenia venne ridicolizzata e smentita dal governo russo. Da allora abbiamo assistito a una clamorosa esibizione di negazioni, diversioni e mancanza d’azione da parte delle autorità di Mosca, che hanno sempre rifiutato di aprire un’indagine ufficiale sugli orribili crimini di cui la Novaya Gazeta e altri avevano fornito le prove”, ha dichiarato Denis Krivosheev, vicedirettore di Amnesty International per l’Europa orientale e l’Asia centrale.

Le vittime hanno potuto fare affidamento solo sulla comunità russa degli attivisti per i diritti umani, che hanno fornito sostegno e protezione a persone cui veniva data la caccia in Cecenia e che venivano ignorate altrove in Russia.

L’instancabile lavoro dei difensori dei diritti umani, tra cui la Rete Lgbti russa, ha consentito a 116 persone di trasferirsi in luoghi sicuri, 98 dei quali fuori dal paese.

“Nell’ultimo anno, la Rete Lgbti russa e la Novaya Gazeta hanno svolto il lavoro che avrebbe dovuto fare lo stato: abbiamo garantito sicurezza alle vittime e raccolto e reso pubbliche le loro testimonianze”, ha affermato Igor Kochetkov, fondatore e membro del consiglio della Rete Lgbti russa.

“Ma una cosa che noi non possiamo fare al posto dello stato è avviare un’inchiesta e garantire l’incriminazione dei responsabili. A quanto pare, tuttavia, le autorità russe non intendono farlo”, ha aggiunto Kochetkov.

Amnesty International ha rinnovato l’appello alle autorità russe a indagare in modo rapido ed efficace sulle denunce di rapimenti, detenzioni segrete, torture e uccisioni di uomini percepiti come omosessuali nella Repubblica cecena.

L’organizzazione per i diritti umani ha inoltre sollecitato le autorità russe a prendere misure per garantire la sicurezza delle persone Lgbti nella regione e altrove nel paese.

341 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online