Martedì, 02 giugno 2020 - ore 03.40

Atlantia sfida il governo

Stop agli investimenti straordinari senza garanzie

| Scritto da Redazione
Atlantia sfida il governo

Atlantia, la società controllata dalla famiglia Benetton, ha deciso di sfidare il governo di Giuseppe Conte e ha annunciato oggi il congelamento del piano di investimenti straordinari sulle autostrade, quantificato in oltre 14 miliardi di euro, limitandosi alla sola manutenzione ordinaria e delle opere finalizzate alla messa in sicurezza della rete autostradale.

Non solo. Atlantia ha anche annunciato di aver dato mandato ai suoi legali di "valutare tutte le iniziative necessarie per la tutela della società". La decisione è stata presa oggi dal CdA del gruppo che controlla Autostrade per l'Italia.

A due anni dal crollo di Ponte Morandi, la società è pronta a congelare l'intero piano di investimenti straordinari, inclusi quei 2,9 miliardi di dollari che erano stato offerti come forma di compensazione per la tragedia di Genova.

Il governo non si è ancora espresso sulla revoca della concessione ad Atlantia e le voci di un affidamento della stessa ad Anas non ha mai trovato conferma. La società dei Benetton aveva inviato una proposta formale da Aspi al Ministero delle Infrastrutture lo scorso 5 marzo, nei giorni dell'emergenza causata dalla pandemia da COVID-19.

L'obiettivo di quella proposta formale era trovare una soluzione condivisa, ma ad oggi il Ministero non ha fornito risposta ed Atlantia ha deciso di alzare la posta e aumentare la pressione.

 

143 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria

DALLE CAMERE DI COMMERCIO AIUTI ALLE PMI IN DEFICIT DI LIQUIDITÀ

DALLE CAMERE DI COMMERCIO AIUTI ALLE PMI IN DEFICIT DI LIQUIDITÀ

Camere di commercio in aiuto delle imprese in deficit di liquidità a causa dell’emergenza coronavirus. Sono già 34 gli enti camerali che hanno adottato provvedimenti per favorire la liquidità delle piccole imprese: è quanto riporta Unioncamere sottolineando che tra questi provvedimenti ci sono molti interventi che, attraverso il suo bando “tipo”, permettono agli imprenditori in difficoltà di richiedere alla propria Camera contributi a fondo perduto per l’abbattimento dei tassi di interesse dei finanziamenti concessi da banche, società di leasing e altri intermediari.