Martedì, 14 luglio 2020 - ore 05.16

Bilancio di previsione 2020-2022: più fondi per scuole, sociale ed ambiente

Riduzione dell’IRPEF e dell’imposta sulla pubblicità, ritoccata l’IMU per le seconde case, mantenuta la qualità dei servizi

| Scritto da Redazione
Bilancio di previsione 2020-2022: più fondi per scuole, sociale ed ambiente

 Approvati in Giunta agli atti del Bilancio di previsione 2020-2022 pronti per essere presentati alla Commissione consiliare Bilancio e quindi al Consiglio Comunale per l'approvazione.

Sono previsti una spesa corrente di 91 milioni di euro e investimenti sullo sviluppo della città, a partire dai finanziamenti forti sulle scuole e quelli più strutturali sulle Università, per avere più giovani e servire meglio le imprese. Confermati e rafforzati gli investimenti sul sociale a servizio di fragilità, a favore degli anziani e degli adolescenti.

Per ragioni di equità prosegue la lotta all'evasione dei tributi: nel 2020 la previsione di recupero su tutti i tributi è pari infatti a 4,3 milioni di euro, somma costantemente cresciuta negli ultimi anni. Questo consente di finanziare la spesa corrente fondamentale per sostenere i servizi ai cittadini.

Si dà il via all’alleggerimento del peso fiscale a favore dei lavoratori a partire dalle fasce con redditi inferiori, estendendo l’esenzione dell’addizionale IRPEF. La fascia di esenzione sale a 11mila euro di reddito nel 2020 e a 12mila nel 2021: un intervento che a regime interesserà circa 2000 cittadini.

Viene diminuita l'imposta sulla pubblicità relativa alle categorie speciali in coerenza anche con un accordo preso con le associazioni di categoria del commercio.

Sono scelte a cui si dà corso nonostante l'obbligo di dover aumentare il fondo rischi di dubbia esigibilità che ormai ha raggiunto, per effetto delle normative e dei crediti da riscuotere, una quota prevista a fine 2020 di 25 milioni di euro, con un incremento, nel solo anno corrente, di 5,6 milioni di euro.

Tutto questo ha comportato la necessità di una rimodulazione dell'aliquota IMU sulle seconde case (aliquota di base che dall’1,00% passa al 1,06 %) e dell'aliquota per gli immobili locati a canone agevolato con un aumento dal 0,62% al 0,94%, estendendo contemporaneamente la possibilità a questi contribuenti di poter usufruire dell’agevolazione indipendentemente dalla tipologia del locatario e senza alcun vincolo. Nessun aumento per le tariffe esistenti e conferma di tutte le agevolazioni attualmente in vigore.

Sugli investimenti in conto capitale, al netto delle acquisizioni a patrimonio (Santa Monica), degli investimenti avviati negli anni precedenti (San Felice) e degli acquisti di attrezzature, sono previsti 20 milioni di euro nel triennio 2020-2022. Sono 14 i milioni nel solo anno 2020 destinati all'edilizia pubblica, Teatro Ponchielli e Museo del Violino, ed in particolare quella scolastica, all'edilizia pubblica residenziale, alla manutenzione di strade, marciapiedi, abbattimento delle barriere architettoniche e alla mobilità leggera, al verde pubblico, parchi e giardini e alla rigenerazione urbana: tutto questo senza fare ricorso, come già avviene dal 2014, a mutui, iniziativa che ha consentito una riduzione del debito totale in carico al Comune del 26% e della relativa incidenza negli equilibri correnti, con la conseguente diminuzione del debito pro-capite da 562 euro nel 2014 a 412 euro.

414 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online