Sabato, 29 febbraio 2020 - ore 11.14

Brescia on the road: il fascino senza tempo dei motori e gli adrenalinici eventi su strada di una provincia col gusto del volante

Non solo Mille Miglia: il fascino senza tempo dei motori e gli adrenalinici eventi su strada di una provincia col gusto del volante.

| Scritto da Redazione
Brescia on the road: il fascino senza tempo dei motori e gli adrenalinici eventi su strada di una provincia col gusto del volante

Anche quest’anno, la partenza il 13 e l’arrivo il 16 maggio in Viale Venezia della Mille Miglia, con passerella in Piazza Vittoria e suggestivi passaggi sul Lago di Garda, tra Sirmione e Desenzano, sono gli appuntamenti clou della stagione motoristica che percorre le strade di Brescia e dintorni. La sfilata in città della gara riservata ad auto costruite fra il 1927 e il 1957 non è però il solo evento per gli appassionati delle quattro ruote in una provincia rombante e innamorata dei paesaggi che si esaltano sia quando sono attraversati in velocità, sia quando lo spostamento avviene in splendida lentezza, privilegiando l’atmosfera. Ecco una piccola guida on the road a cura di Visit Brescia.

Il Museo della Mille Miglia e la Coppa Franco Mazzotti

Intorno alla famosa competizione di cui sopra e alla febbre che a ogni edizione è in grado di scatenare, è nato nel 2004 un museo dedicato proprio alla Freccia Rossa, che ha avuto il merito di incoraggiare la ristrutturazione del complesso monastico di Sant’Eufemia. Oltre a raccontare una leggenda, il Museo Mille Miglia è così diventato custode di una storia. Le auto in esposizione sfilano nello spazio, avvolte da allestimenti e scenografie che richiamano i vari periodi e le epoche toccati dalla corsa.

Aperto tutti i giorni dalle 10:00 alle 18:00. Biglietto intero: 8 euro, con riduzioni per gruppi, bambini e anziani.

Altro appuntamento legato a doppio filo con la Mille Miglia è per forza di cose la Coppa Franco Mazzotti, gara di regolarità classica per auto d'epoca, dedicata all’indiscusso leader dei fondatori. In programma il 17 e 18 ottobre 2020, la competizione si disputa tradizionalmente tra Brescia, la Franciacorta e il Lago di Garda, con prove cronometrate, esibizioni spettacolari e passaggi nel ricordo di un grande aviatore che sapeva come far volare la fantasia e la passione per le quattro ruote anche a terra.

L’arte del restauro che fa viaggiare la Mille Miglia

Chi davvero ama le macchine, le vuole vivere oltre l’aspetto d’intrattenimento ed è divorato dalla voglia di sapere cosa c’è sotto al cofano e quale sia il segreto che scatena l’entusiasmo non appena il motore sale di giri. La carrozzeria di Roberto (Carrozzeria GT) e l’officina di Lorenzo e Giorgio (Brixia Motor Classic) sono luoghi di culto per appassionati delle quattro ruote ma anche per quanti sono affascinati dalla precisione e dall’amore con cui i professionisti del settore riescono a restituire dignità ai cosiddetti rottami. Quelli al centro dell’esperienza sono laboratori che riportano in vita e all’antico splendore le auto d’epoca, in un fulgore di scocche, volanti e cruscotti che riempiono i racconti di artisti desiderosi di condividere storie avvincenti e conoscenze motoristiche.

Visite possibili tutto l’anno, il secondo sabato di ogni mese previa prenotazione.

Una gara dopo l’altra

Se ci fosse solo la Mille Miglia, il culto degli auto-maniaci per la provincia di Brescia sarebbe giustificato ma non del tutto. Per loro fortuna, sembra quasi non passare un giorno senza che i parafanghi si dispongano sulla linea di partenza di un territorio sempre su di giri. Se l’estate è attraversata dal rombo della Summer Marathon – quest’anno in programma tra l’11 e il 14 giugno, per una gara di regolarità internazionale che vede le auto storiche sfilare tra splendidi panorami con prove cronometriche e Concorsi di Eleganza – l’inverno non è da meno, con la Winter Marathon di gennaio, che proprio a Brescia ha le sue storiche radici, grazie all’organizzazione delle Vecar di Sarezzo.

Nonostante il nome lasci pensare a una competizione dimezzata, la 500 Miglia Touring è in realtà una strepitosa manifestazione automobilistica che porta i partecipanti alla scoperta di luoghi affascinanti, su strade che si insinuano tra centri storici e borghi di 5 regioni. I principi dell’innovazione e quelli dell’evocazione sono racchiusi nel senso di un vero happening – quest’anno in pista tra il 16 e il 19 aprile - incentrato sulle auto d’epoca, inaugurato nel 1999 per dare sfogo a un sentimento nostalgico ma ogni volta sempre più vivo e vitale, ricalcando vecchi circuiti e strade dimenticate e permettendo di ritrovare il piacere della guida alla scoperta di percorsi suggestivi, dalle città ai laghi, dalle montagne ai borghi ricchi di bellezze naturali, artistiche e architettoniche

Dal relax delle auto storiche alle curve da brivido delle competizioni per i temerari del volante, il Rally 1000 Miglia Salò è una gara rude che, lanciata nel 1977 per tornare ogni primavera, è diventata col tempo un appuntamento capace di legare la propria tradizione al Campionato Italiano Rally, al Campionato Europeo Rally e al Campionato Italiano Rally WRC. Dal 16 al 18 aprile 2020, sui tornanti tra Brescia e il Lago di Garda, le vetture si sfidano nel segno dello spettacolo, della velocità e dell’abilità di guida.

L’Automobile è Femmina

E se c’è stato un temerario che sulla passione per i motori lasciava vincere solamente l’amore per la patria e il richiamo delle muse (di qualsiasi natura), quello era senza dubbio Gabriele d’Annunzio. A ricordo del suo entusiasmo per le automobili – simbolo di modernità, velocità e progresso - la Fondazione Il Vittoriale degli Italiani ha intensamente voluto la realizzazione di un museo a esse dedicato nel parcheggio all’entrata del complesso di Gardone Riviera.

Nelle sale de L’Automobile è femmina, è possibile ammirare la FIAT Tipo 4 dell’ingresso a Fiume o la fedele Isotta Fraschini Tipo 8B, alle quali si aggiungono la Bentley RType del dopoguerra appartenuta a Vittorio De Sica e oggetti personali del Poeta, come lo spolverino in cotone e lino, gli occhiali da automobile, il berretto in stoffa con la visiera trasparente, la cuffia da automobile, la tessera dell’Automobile Club de France, un trofeo e una medaglia di gara automobilistica, la tessera di circolazione rilasciata dal Touring Club d’Italia di un’automobile FIAT. Le fotografie e un video con immagini d’epoca completano quello che si rivela uno spaccato della storia d’Italia e dei motori, sintetizzati dallo storico incontro del Vate con Tazio Nuvolari. Il 26 novembre 2019 è stato festeggiato il ritorno nel Museo della storica Alfa Romeo 6C 2300 T “Soffio di Satana” che – ceduta nel 1946 – è tornata al Vittoriale dopo oltre settant’anni di assenza. L’auto, ricomparsa in un’asta nel 2017, è stata dichiarata dalla magistratura bene inalienabile della Fondazione e restituita al legittimo proprietario.

Slow Drive

Anche il Vate avrebbe apprezzato l’idea di circumnavigare il Lago di Garda a bordo di una spider d’epoca, per un’esperienza di uno o due giorni nel lusso senza tempo, col vento tra i capelli. Mossa dalla vocazione di offrire momenti irripetibili e in un certo senso fuori dalla realtà del quotidiano, Slow Drive propone un tour senza conducente che si snoda su strade panoramiche e attraversa le perle del Garda Bresciano, come Moniga del Garda - terra del Chiaretto, Manerba del Garda e il porto di San Felice del Benaco, per poi proseguire verso Salò e i suoi scorci mozzafiato, in direzione di Gardone Riviera e del Vittoriale. Il consiglio è quello di godersi ogni minuto, fermandosi a gustare i prodotti tipici e stabilire tappe imprescindibili come il centro storico di Toscolano Maderno, ultimo appiglio nel bresciano prima di imbarcarsi e passare sulla sponda veronese.

 

 

fonte comunicati-stampa.net

82 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online