Venerdì, 05 giugno 2020 - ore 05.40

Campagna #IoAccolgo Cremona L’Europa intervenga subito per il ricollocamento dei profughi

LA POLITICA DI ESTERNALIZZAZIONE DELLE FRONTIERE PROVOCA MORTE E VIOLENZA L'EUROPA INTERVENGA SUBITO CON UN PIANO URGENTE DI RICOLLOCAMENTO DEI PROFUGHI

| Scritto da Redazione
Campagna #IoAccolgo  Cremona L’Europa intervenga subito  per il ricollocamento dei profughi

Campagna Io Accolgo  Cremona L’Europa intervenga subito  per il ricollocamento dei profughi

LA POLITICA DI ESTERNALIZZAZIONE DELLE FRONTIERE PROVOCA MORTE E VIOLENZA L'EUROPA INTERVENGA SUBITO CON UN PIANO URGENTE DI RICOLLOCAMENTO DEI PROFUGHI

Le immagini dei migranti in fila o letteralmente aggrappati alle coste greche o alle frontiere bulgare, e quelle della guardia costiera che speronano le precarie imbarcazioni cariche di profughi per impedire che sbarchino sul suolo europeo, la morte di un bambino a causa di questi atti disumani, rappresentano inaccettabili violazioni del principio del diritto internazionale del non respingimento dei richiedenti asilo e rifugiati e del diritto d’asilo previsto dalle Costituzioni e dalla Carta di Nizza, nonché una violazione delle direttive UE in materia di protezione internazionale che consentono a tutti l'accesso al territorio per fare esaminare le proprie richieste di protezione o d’asilo.

La scelta fatta da tutti gli Stati dell'Unione europea di sottoscrivere un accordo con il governo turco nel 2016 al fine di scaricare sulla Turchia l’onere dell’accoglienza dei profughi in gran parte provenienti da Siria, Afghanistan e Iraq, erogando ogni anno al governo turco, come contropartita, enormi finanziamenti tratti dai bilanci nazionali, non è stata soltanto sbagliata, ma anche contro producente..

Ricordiamo che ad oggi ci sono circa 500 mila migranti lungo la rotta turca in attesa di poter entrare nell'Unione Europea. Molti di loro provengono da Paesi come Siria, Iraq, Palestina, Afghanistan. Molti di loro avrebbero diritto ad ottenere il riconoscimento dello status di rifugiato, invece cercano di sopravvivere nei campi profughi sovraffollati e privi di qualsiasi tutela e protezione anche nei confronti delle categorie più deboli.

Da tempo gli attivisti,le ONG ed i migranti bloccati in Grecia denunciano le condizione disumane nelle isole e nei campi lager. La salvaguardia delle persone resta solo in mano ai migranti stessi ed agli attivisti,violentemente attaccati dai movimenti nazisti e dalle polizie. 

Mobilitiamoci contro le politiche europee di assassinio e detenzione nelle isole hotspot in Grecia. Non possiamo restare inerti davanti alla cancellazione della civiltà giuridica dell’Europa.

Le politiche di esternalizzazione delle frontiere attuate dagli Stati UE finiscono per produrre crimini contro l'umanità: investire sulla militarizzazione delle frontiere, sugli accordi di riammissione, su rimpatri e sui controlli di frontiera nei Paesi d’origine e di transito, rinunciando alla cultura dei diritti, e alimentando il business dell’immigrazione irregolare, ci ha sottomesso alla legge del più forte, quella che il leader turco non ha remore ad imporre.

Il coordinamento cremonese della campagna Io Accolgo.

548 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online