Lunedì, 10 dicembre 2018 - ore 12.02

Claudia Noci (Presidente del Circolo Arcipelago): 'Regalare quel libro, gesto antifascista'

La volontaria ha consegnato a Di Stefano La banalità del male, importante volume di Hannah Arendt. Arci Cremona e il Circolo Arcipelago: «Ogni giorno, da noi, l’associazionismo si vive per unire e non per dividere, per accogliere e non per discriminare»

| Scritto da Redazione
Claudia Noci (Presidente del Circolo Arcipelago): 'Regalare quel libro, gesto antifascista'

Claudia Noci (Presidente del Circolo Arcipelago): «Regalare quel libro, gesto antifascista»

La volontaria ha consegnato a Di Stefano La banalità del male, importante volume di Hannah Arendt. Arci Cremona e il Circolo Arcipelago: «Ogni giorno, da noi, l’associazionismo si vive per unire e non per dividere, per accogliere e non per discriminare»

«Regalare un libro, quel libro, al leader di CasaPound è stato il gesto antifascista più naturale a venirmi in mente»: così Claudia Noci, Presidente del Circolo Arcipelago di Cremona, descrive il gesto pacifista e nonviolento compiuto in autonomia domenica 25 febbraio a Palazzo Cittanova, durante l’incontro della campagna elettorale dell’organizzazione neofascista CasaPound, al quale era presente Simone Di Stefano.

L’atto in sé non voleva essere una mera provocazione: un messaggio di contenuto, senza urla in piazza, senza insulti, senza livore, tutte cose che invece hanno accompagnato l’uscita di Claudia dalla sala. La banalità del male, questo il libro di Hannah Arendt scelto e consegnato, ha rappresentato un duplice avvertimento, di come non ci sia “nulla di cui avere nostalgia” (come la Presidente ha suggerito a Di Stefano) e di quanto sia facile, ancora oggi, dimenticarsi di essere umani. Questo gesto ha voluto essere un’esplicita contestazione alla logica del nemico che ispira da sempre organizzazioni come CasaPound e denunciare la pericolosa, devastante, discriminatoria e violenta azione politica da loro perseguita.

Il Circolo Arci Arcipelago e il comitato provinciale Arci Cremona, presenti sul territorio rispettivamente dagli anni Novanta e Ottanta, esprimono, promuovono e praticano l’antifascismo e la nonviolenza attraverso attività quotidiane di cui pace, cultura e solidarietà sono le parole chiave. «Ogni giorno, da noi, l’associazionismo si vive per unire e non per dividere, per accogliere e non per discriminare. CasaPound è un’organizzazione anticostituzionale che pratica idee liberticide intollerabili», concludono Claudia, il Circolo Arcipelago e Arci Cremona.

 

6712 visite

Articoli correlati