Sabato, 27 novembre 2021 - ore 00.38

Conduttore tv arrestato: a processo a Milano per droga stupro

A fine agosto se la fece spedire da Olanda, 'ne sono dipendente'

| Scritto da Redazione
Conduttore tv arrestato: a processo a Milano per droga stupro

E' stato disposto il processo con rito immediato per Ciro Di Maio, il conduttore tv e attore arrestato in flagranza il 24 agosto a Milano, con l'accusa di detenzione ai fini di spaccio, per essersi fatto spedire nella sua casa, in zona Loreto, un litro di Gbl, liquido incolore conosciuto anche come 'droga dello stupro', dall'Olanda.

    "Non sono uno spacciatore, la sostanza non era destinata a feste o altro, era solo per me, ne sono dipendente e sto cercando di seguire un programma terapeutico che prevede di 'scalare', riducendo mano a mano il consumo", aveva detto nell'interrogatorio davanti al gip Sara Cipolla Il 46enne, volto televisivo di programmi di viaggi sul canale Marcopolo e che ha recitato in diverse fiction, oltre ad aver esordito alla fine degli anni '80 come uno dei 'carramba boys'.

    Dopo l'interrogatorio il giudice, pur convalidando l'arresto, aveva disposto i domiciliari come misura adatta a contenere le esigenze cautelari e Di Maio era uscito da San Vittore. Il pm Leonardo Lesti ha chiesto il processo con rito immediato (si salta la fase dell'udienza preliminare) e il gip l'ha disposto. Ora Di Maio avrà tempo alcuni giorni per chiedere, se vorrà, il rito abbreviato.

    Il conduttore, difeso dal legale Nadia Savoca, aveva già ottenuto prima i domiciliari e poi l'obbligo di firma nell'altro procedimento in corso a suo carico, sempre per acquisto e detenzione ai fini di spaccio, per un ordine da 4 litri di Gbl dalla Cina che lo aveva fatto finire in carcere a dicembre 2020.

    (ANSA).

73 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria

Violenza contro le donne: per 3 uomini su 10 la causa è la donna

Violenza contro le donne: per 3 uomini su 10 la causa è la donna

Oggi è la Giornata internazionale contro la violenza sulle donne. Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità 1 donna su 3 subisce violenza nel corso della propria vita, e circa il 38% di tutti gli omicidi di donne sono compiuti da partner. Una situazione che è ulteriormente peggiorata durante la pandemia di Covid. Un nuovo report fornisce un quadro preoccupante in cui ignoranza, pregiudizi e linguaggio sbagliato contribuiscono a perpetuare stereotipi sulla violenza contro le donne.