Mercoledì, 13 novembre 2019 - ore 22.08

Consigli ed errori da evitare per chi fa trading online

Quando si inizia una nuova avventura si ha sempre una grossa dose di entusiasmo ed adrenalina che possono aiutarci a dare il meglio e quindi ad avere successo in ciò che facciamo.

| Scritto da Redazione
Consigli ed errori da evitare per chi fa trading online

Queste due componenti possono essere molto utili anche nel trading online. Per avere successo, però, bisogna seguire alcuni consigli utilissimi, se non fondamentali, pensati soprattutto per i trader meno esperti. Il sogno di ogni trader principiante è quello di cominciare a fare trading online e ottenere il successo, da subito. Molti anzi, si spingono più in là: vogliono diventare ricchi in brevissimo tempo. Meglio mettersi l’animo in pace da subito: per il successo nel trading online ci vuole davvero tempo, pazienza, impegno.

Ovviamente il trading è una grande opportunità di crescita finanziaria e personale ma per avere successo ci vogliono costanza e impegno. Il primo consiglio che diamo ai trader principianti è di ricordare sempre che il trading online non è un gioco. Il trading è una cosa seria: può generare profitti elevati ma bisogna utilizzare gli strumenti giusti. Partendo da questo presupposto si può avere una visione più completa di trading online e, magari, più conforme alla realtà.

Il primo aspetto da considerare è la scelta della piattaforma giusta per fare trading online. Una piattaforma deve essere, per prima cosa, autorizzata e regolamentata da CONSOB. Operare con piattaforme non autorizzate significa esporsi al rischio di truffe. Purtroppo proprio i principianti sono le vittime più colpite dalle truffe trading online.

Altro consiglio è quello di non avere fretta in quanto il trading online, compreso il forex trading, si impara e si conosce poco a poco. Soprattutto, il mercato forex può essere difficile da comprendere per chi è ai primi passi. Studiare, approfondire e, nel caso, investire solo piccole somme. Nel trading, così come nelle altre attività, grande importanza assume il fattore emozionale. Spesso i trader principianti non sono in grado di dominarsi, possono disperarsi per piccole perdite e, viceversa, esaltarsi per piccoli profitti. Non ha senso: per essere un grande trader bisogna essere calmi.

Per avere successo, inoltre, è fondamentale imparare ad usare i segnali di trading. I trader principianti ignorano che una delle migliori strategie per operare con successo sui mercati è utilizzare segnali di trading. Che cosa sono i segnali? Sono indicazioni piuttosto precise su situazioni dei mercati finanziari che possono garantire buoni ritorni. Inoltre è consigliabile pianificare ogni singola azione, poche semplici regole che dovete ripetere sempre. Auto disciplinarsi consente di non prendere rischi inutili. Il vostro denaro va ad esempio gestito con cura, in gergo di dice fare money management. Se ad esempio state vincendo non fatevi prendere la mano aprendo altre posizioni inutili, se perdete non uscite magari se avete pianificato di rimanere. Sono queste operazioni avventate dettate dall'ansia che avvicinano il trading più al gioco d'azzardo che all'investimento.

Anche le informazioni che assimiliamo assumono un ruolo fondamentale. Collezionate una serie di fonti di informazioni affidabili. Spesso le notizie “economiche” sono veicolate. Ricordiamo che molti grandi giornali e tv sono posseduti da banche o da fondi di investimento che hanno tutto l'interesse a fare soldi. Dunque evitate di seguire i consigli di analisti sui giornali anche perchè dovete concentrarvi sui grafici.

I mercati sono così veloci che probabilmente una notizia che arriva a tutti è già superata e obsoleta. Dovete essere tempestivi.

Gli errori da evitare

Il trading rappresenta un’ottima possibilità di guadagno, ma ci sono alcuni errori da evitare assolutamente per non disperdere il proprio patrimonio. Il primo errore da evitare è quello di entrare nel mercato senza una visione chiara della situazione. L’attività di trading davanti al desk di negoziazione deve essere solo una piccola parte del tempo totale di lavoro: la gran parte deve essere spesa nello studio dei grafici e delle notizie che possono influenzare l’andamento di un cross, i cosiddetti Market Mover.

Mai aprire una posizione senza un’adeguata fase di studio, senza sapere se stanno per uscire market mover impattanti e senza aver deciso in anticipo prezzi di entrata ed uscita dal mercato.

Come abbiamo accennato in precedenza la componente emozionale è di primaria importanza. E’ vero che gran parte dell’attrattiva data dal trading sono le emozioni che il «vincere» ed il «perdere» possono dare, ma sappiamo che se viviamo così l’attività di trading l’azzeramento del capitale è solo una questione di tempo.

A seguito di una perdita o peggio di una serie di trade sfortunati la prima tentazione è di aumentare i volumi delle posizioni per recuperare. Niente di più sbagliato. In questo caso è bene scegliere una dimensione per i nostri trade ed investire sempre la stessa quantità su ogni posizione sia quando le cose vanno bene, sia quando vanno male. La dimensione ed i nostri trade devono dipendere dal capitale a nostra disposizione e dal leverage utilizzato.

Seguendo questi consigli ed evitando questi errori si potrà investire nel trading online nel miglior modo possibile. 

GeekPrank.com farà credere a tutti di guardare un vero e proprio sistema operativo Windows XP, ma la giustizia è che questo sia solo un simulatore in esecuzione in un browser web.

202 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria

Buoni pasto, MDC rilancia su defiscalizzazione: ‘Esenzione a 9 euro, in linea con gli altri Paesi UE’

Buoni pasto, MDC rilancia su defiscalizzazione: ‘Esenzione a 9 euro, in linea con gli altri Paesi UE’

Anche i buoni pasto entrano nella Manovra per il 2020. “L’idea di aumentare ad 8 euro l’esenzione per i buoni pasto elettronici ci trova del tutto favorevoli perché risponde a diverse esigenze: da una parte contribuisce ad aumentare il potere d’acquisto delle famiglie e riduce il cuneo fiscale per le imprese; dall’altra favorisce l’educazione alla moneta digitale nell’ottica della lotta all’evasione fiscale”