Mercoledì, 19 gennaio 2022 - ore 12.48

Crema. Il nuovo asilo nido non può sorgere in un parco | Paolo Losco (Sin.Ita.)

Premessa: di un asilo nido comunale abbiamo un enorme bisogno, sono almeno 3 anni che se ne parla ed è giusto sia una delle priorità.

| Scritto da Redazione
Crema. Il nuovo asilo nido non può sorgere in un parco | Paolo Losco (Sin.Ita.)

Crema. Il nuovo asilo nido non può sorgere in un parco | Paolo Losco (Sin.Ita.)

Premessa: di un asilo nido comunale abbiamo un enorme bisogno, sono almeno 3 anni che se ne parla ed è giusto sia una delle priorità.

La struttura attuale è inadeguata ed ha costi enormi per il comune. E anche su questo siamo d’accordo.

Tuttavia il tutelare le (poche) aree verdi, in particolare quelle (pochissime) fruibili e frequentate da bambini non può essere da meno, nella scala delle priorità.

Identificare aree gia edificate da riqualificare e rendere idonee per un asilo nido, o da abbattere e ricostruire senza avere impatto sulla cubatura esistente è davvero impossibile? No.

Comporterebbe costi maggiori? Con buone probabilità.

Ma visti i costi di gestione attuali, sarebbe così impensabile?

Quello che manca è la volontà politica di fare una analisi concreta e degli investimenti che, a lungo termine, consentano di tutelare gli spazi verdi di socialità per i più giovani e di garantire un servizio indispensabile come quello dell’asilo nido pubblico.

In ultimo, anche qualora non si potessero identificare queste aree, sarebbe doveroso creare gli spazi per quella parte di servizio (perché un giardino pubblico è a tutti gli effetti un servizio per la collettività) in altra area.

Pillola in fondo: questa opera avrebbe dovuto essere finanziata con oneri di urbanizzazione che, ad ora, non risultano essere incassati (con un ritardo di due anni) e a bilancio pare sia inserita nel capitolo “alienazioni”, che sappiamo bene essere quello delle previsioni ottimistiche che mai si avverano.

Un asilo nido comunale è un’opera di cui Crema ha un tremendo bisogno, lo stesso dicasi per il verde, ma la realtà è che non può essere solo una (goffa, visto che, ancora una volta, andrà ad impattare sul verde pubblico già martoriato) boutade elettorale.

Tra un supermercato e l’altro, qualche ragionamento in più sul tipo di città che vogliamo, forse andrebbe fatto, al di là degli insegnamenti su cosa voglia dire sostenibilità ambientale che arrivano da parte di questa maggioranza.

450 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online