Lunedì, 16 maggio 2022 - ore 21.09

Cremona Elezioni del 4 ottobre. Le opinioni di Pizzetti e Piloni (PD)

Pizzetti sottolinea l’aspetto della bassa partecipazione al voto e la sconfitta di Lega e M5S Piloni valorizza le grandi vittorie a Milano, Bologna e Napoli

| Scritto da Redazione
Cremona Elezioni del 4 ottobre. Le opinioni di Pizzetti e Piloni (PD)

Cremona Elezioni del 4 ottobre. Le opinioni di Luciano Pizzetti e Matteo Piloni (Partito Democratico)

Pizzetti sottolinea l’aspetto della bassa partecipazione al voto e la sconfitta dei sovranisti e dei populisti. Piloni sottolinea le grandi vittorie  a Milano, Bologna e Napoli e ringrazia gli amministratori locali del PD.

Luciano Pizzetti (parlamentare PD) :” L’aspetto più rilevante è la diminuita partecipazione al voto, che dovrebbe indurre tutti, vincitori e vinti, ad una riflessione Innanzitutto credo sia necessario riattivare i canali di relazione fra partiti e società civile, è finita l’epopea sovranista e populista, devono essere ripristinati contenuti, programmi ed elementi valoriali che sono i veri punti di riferimento. La pandemia? Indubbiamente può avere inciso, ma se ci sono città dove ad andare a votare è stato meno del 50% della popolazione, non si può trattare solo di effetto pandemia. Si tratta di un dato politico-strutturale. L’astensione era già evidente prima, ora si è accentuata ulteriormente. A livello locale   vedo   luci e ombre, vittorie e sconfitte, sarebbe però affrettato trarre conclusioni sul futuro politico. Non facciamo l’errore di trarre da questo voto indicazioni nazionali. Il centrosinistra non può pensare di avere la vittoria in tasca, perché non funziona così. Poi serve una riflessione anche sui Cinque stelle, che oggi al Nord rappresentano poco o nulla’.

-----------------------------

Matteo Piloni (Consigliere Regionale PD) : ‘Bene Milano, Bologna e Napoli. Ora pancia a terra per Roma e Torino. Il centrosinistra ha vinto in molti centri anche sopra i 15mila abitanti, di certo hanno giocato a nostro favore le divisioni dall’altra parte, oltre al fatto che il sovranismo e un certo modo populista di fare politica non pagano più. Aspetto che ha toccato sia la Lega che i Cinque stelle. Sembra ci siano segnali di una stagione politica più seria e concreta, ma vedremo come andrà ai ballottaggi. E prestiamo attenzione al voto delle regionali previsto fra un anno e mezzo: la Lombardia è contendibile e il centrodestra battibile.

A livello locale ci sono luci ed ombre. ‘Bellissima la vittoria  a Pino d’Adda di Enzo Galbiati. Era una sfida a due, contro un centrodestra compatto, e va dato merito ad un gruppo che è risultato credibile agli occhi dei cittadini.Spiace per Rivolta, una sfida difficile e un vero peccato: credo che i rivoltani a breve si accorgeranno di avere perso un’occasione, Elisabetta Nava sarebbe stata un’ottima sindaca. Una sorpresa, purtroppo in negativo, il risultato di Pieve San Giacomo: Genzini è stata una brava amministratrice. Pizzighettone era una  partita difficile a Pizzighettone .A Palazzo Pignano l’elezione della lista targata Lega non è una vittoria, perché il quorum è stato superato per un soffio e la maggioranza dei cittadini ha scelto di non andare a votare. Infine ringrazio  gli amministratori Fabio Calvi e Luigi Poli.  Sottolineo i risultati di Pianengo e Campagnola dove Roberto Barbaglio e Agostino Guerini Rocco sono stati confermati superando ampiamente il quorum. Auguro buon lavoro a Carlo Vezzini che è tornato ad essere sindaco di Sesto ed Uniti e a Marco Fornaroli a Cremosano’.

519 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online