Mercoledì, 25 novembre 2020 - ore 17.46

Cremona, il 21 settembre la città sarà tappa di VENTO Bici Tour 2016

Crociera con tavola rotonda sul Po sulla navigazione fluviale

| Scritto da Redazione
Cremona, il 21 settembre la città sarà tappa di VENTO Bici Tour 2016

Dal 17 al 25 settembre si svolge la quarta edizione di VENTO Bici Tour. Partenza da Venezia e, con 9 tappe e 24 eventi lungo i paesaggi del fiume Po, arrivo a Torino, al Salone del Gusto e a Terra Madre. Il tutto in bicicletta, per dire che VENTO, progetto promosso dal Politecnico di Milano con il coinvolgimento di quattro Regioni (Lombardia, Piemonte, Emilia Romagna e Veneto) e il contributo di importanti Fondazioni e Istituti bancari, non è solo una ciclovia che collega due tra le più belle città italiane, ma è un altro modo di intendere il territorio e di immaginare un futuro sostenibile. Il tour si svolge all’interno della Settimana Europea della Mobilità Sostenibile, in programma dal 16 al 22 settembre, un’occasione per promuovere e coniugare bicicletta e territorio e fare rete tra associazioni, amministrazioni e università. Quest’anno il tema del tour è Ricuciamo la bellezza perché le tante tracce di bellezza lungo il Po attendono il nuovo filo narrativo di VENTO per tenerle assieme, restituendole così alla fruizione e al godimento di tutti. Le tappe del tour parleranno di bellezza attraverso i siti UNESCO, le paste ripiene, il riso, la navigazione, il sistema cicloturistico e Brezza, gli argini, le bonifiche e le irrigazioni, i parchi, il delta e i luoghi del dopo nucleare.

Il 21 settembre la quinta tappa di VENTO Bici Tour 2016 tocca il nostro territorio con un percorso che da Casalmaggiore arriva fino a Somaglia, nel Lodigiano. Per questa occasione il Comune di Cremona ha organizzato una crociera fluviale con la motonave Luccio con partenza da Casalmaggiore alle 11:30 e arrivo a Cremona alle ore 15. La motonave, che può imbarcare le biciclette e i cicloturisti, trasporterà il gruppo di Paolo Pileri, responsabile del progetto VENTO, all’interno dei paesaggi che costeggiano il tratto cremonese del grande fiume. Durante la navigazione si svolgerà la tavola rotonda dal titolo Un nuovo futuro per la navigazione lungo il fiume Po: proposte e idee, che ha come fine lo scambio di informazioni su progetti che già hanno preso forma o sono in fase di avvio, così come su criticità tra i referenti che a vario titolo si occupano di navigazione sul Po e sui suoi affluenti o che hanno compiti istituzionali sul Bacino del Po. Navigabilità dunque, intermodalità con i percorsi ciclabili, ma attenzione anche alle attività crocieristica, ludica e sportiva. Tutto questo per valutare l’attuale rete infrastrutturale e di supporto logistico lungo l’asta del Po in modo da agevolare le varie iniziative turistiche mirate alla conoscenza del territorio circostante: la navigazione fluviale può infatti dare un valido sostegno alla mobilità cicloturistica nonché alle numerose manifestazioni che ogni anno si svolgono lungo il grande fiume.

«Al centro dell’iniziativa c’è naturalmente il fiume Po», dichiara al riguardo l’Assessore al Territorio e all’Area Vasta Andrea Virgilio. «Il rapporto tra il maggiore fiume italiano, uno dei pochissimi fiumi ancora a corrente libera d’Europa, e il territorio padano, una delle aree più densamente abitate d’Europa. Una grande realtà ambientale, sociale ed economica. Il Po e il suo bacino necessitano di attenzioni che da un lato ne rilancino la valorizzazione e dall’altro creino le condizioni indispensabili affinché questa valorizzazione possa crescere in modo sostenibile. Uno dei progetti che sicuramente va in questa direzione, in linea con quanto il Comune di Cremona ha attuato sinora, è rappresentato dal progetto della ciclovia VENTO, al quale abbiamo aderito sottoscrivendo il Protocollo d’Intesa con altri 158 soggetti, che a livello locale deve essere colta come un’opportunità per andare nella direzione indicata. Certamente questa infrastruttura, che percorre il bacino del Po in tutta la sua estensione, potrà trovare il suo completamento mettendosi in sinergia con progetti di infrastrutture destinate a rilanciare la navigazione turistica».

886 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria