Giovedì, 14 novembre 2019 - ore 10.17

Cremona Le mostre organizzate dal Porte Aperte Festival 2019 di Anna Peretti

Le mostre del PAF nella sua quarta edizione sono un regalo alla città di Cremona. Scemo chi legge, Flumen, I bastardi di Pizzofalcone: dal romanzo al fumetto, De visu, 10 anni di festival della fotografia etica. Spazi nascosti al pubblico, aprono le porte e si riscoprono luoghi di incontro per mostrare il proprio lavoro e trovare sinergie con altre realtà culturali.

| Scritto da Redazione
Cremona Le mostre organizzate dal Porte Aperte Festival 2019 di Anna Peretti Cremona Le mostre organizzate dal Porte Aperte Festival 2019 di Anna Peretti

Cremona Le mostre organizzate dal Porte Aperte Festival 2019 di Anna Peretti

 

Le mostre del PAF nella sua quarta edizione sono un regalo alla città di Cremona. Scemo chi legge, Flumen, I bastardi di Pizzofalcone: dal romanzo al fumetto, De visu, 10 anni di festival della fotografia etica. Spazi nascosti al pubblico, aprono le porte e si riscoprono luoghi di incontro per mostrare il proprio lavoro e trovare sinergie con altre realtà culturali.

 

Flumen è il titolo della mostra fotografica diffusa per la città che verrà inaugurata a Cremona Infopoint (piazza del Comune, 5) Venerdì 21 Giugno alle ore 18:00. Venti negozi del centro ospiteranno le fotografie che Alessandra Reposi ha catturato pedalando lungo il fiume Po. Paesaggi, gesti e suggestioni compongo la sua opera estesa che arricchirà la città fino al 4 Luglio. Il Festival nella sua quarta edizione si espande creando nuove sedi espositive come l'ufficio Infopoint strategico per posizione e visibilità nel cuore della città.

Da mercoledì  26 Giugno  ore 18 presso la nuova sede del Centro Fumetto di Cremona (via Palestro, 17) verrà ospitata la mostra: I bastardi di Pizzofalcone. Dal romanzo al fumetto. L’esposizione indaga il percorso creativo che ha portato alla realizzazione del graphic novel prodotto da Sergio Bonelli Editore e basato sulla fortunata collana di romanzi di Maurizio De Giovanni. La mostra propone immagini, studi e schizzi preparatori.Il volume cartonato a colori è disegnato da Fabiana Fiego e sceneggiato da Claudio Falco e Paolo Terracciano. Coinvolta nei colori e nel littering la scuola Italiana Comix, coordinata da Mauro Punzo e Giuseppe Bocia. La copertina è invece firmata da Daniele Bigliardo. Il fumetto è ambientato a Napoli dei giorni nostri. L’intreccio racconta l'indagine che ha portato all'arresto di quattro poliziotti del Commissariato di Pizzofalcone. Toccherà a Luigi Palma mettere in piedi una nuova squadra in grado di riportare giustizia nella città. Per costruirla, gli saranno affidati alcuni agenti che si giocano la loro ultima occasione per restare in polizia. L’universo grafico proposto dalla Bonelli è innovativo e mai sperimentato prima d’ora: i protagonisti sono animali, ma il loro carattere intimo e umano è coerente con il romanzo.  La disegnatrice confessa: «Fin dal primo libro dei Bastardi di De Giovanni mi balenava in mente questa associazione con i cani, suggerita dal titolo. Alcune associazioni sono state immediate, ad esempio per il personaggio di Romano che per me doveva essere necessariamente un Pitbull. Idem per Lojacono, per il quale ho pensato subito a un Dobermann, per via della caratteristica degli occhi e del colore scuro di capelli, ma anche perché essendo il protagonista principale doveva spiccare per classe e stazza». La mostra cremonese visibile fino al 13 Luglio attende un grande pubblico “accurato, piacevole accattivante questo fumetto” parole della disegnatrice.

Da Domenica 23 Giugno presso il Centro Culturale Città di Cremona – S. Maria della Pietà (piazza Giovanni XXIII) saranno visibili le mostre 10 anni di festival della fotografia etica opere di autori vari, Donbass Stories Spartaco and Lizaper la sezione Spot Light Award opere di Giorgio Bianchi e They are slaughtering us like animalsper la sezione Master Award opere di Daniel Berehulak. All’inaugurazione della mostra presenzierà Alberto Prina coordinatore del FFE (festival della FOTOGRAFIA ETICA).  La mostra resterà visibile fino al 14 Luglio.

De Visu è un viaggio fotografico attraverso due continenti e quattro paesi. Martedì 25 giugno si terrà l’inaugurazione dell’esposizione presso il Museo Archeologico (via San Lorenzo, 4). Burkina Faso, Ladakh, Bangladesh ed Etiopia sono gli orizzonti immortalati dagli obiettivi dei quattro fotografi cremonesi e bresciani che hanno voluto unire i loro scatti in un’unica visione. Il risultato sono quattro reportage, oltre settanta immagini, e un solo filo conduttore: lo stesso sguardo sul mondo e la stessa esigenza di documentare i volti, le emozioni e gli incontri che hanno rappresentato l’essenza di ognuno di questi viaggi. Le opere esposte sono di Carla Cinelli, Michela Cotelli, Laura Giancaterina ed Enrico Madini. La mostra resterà esposta fino al 28 Luglio.

Scemo chi legge è la mostra fotografica in esposizione presso il Museo di Storia Naturale (via Ugolani dati, 7) fino al 30 Giugno. Nell’ambito della campagna No Rogo si inserisce la manifestazione che difende e promuove i diritti di libertà e lettura. Ad un titolo efficace segue uno slogan altrettanto chiaro: “lettura in libertà e libertà nella lettura”.

Per la città iniziano a circolare i volantini con il programa completo degli eventi che si terranno dal 28 al 30 Giugno, date ufficiali del PAF 2019.

Anna Peretti

 

 

 

 

 

660 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online