Venerdì, 24 novembre 2017 - ore 10.28

Cremona Oleificio Zucchi al fianco di Legambiente per un mondo più pulito

L’azienda cremonese di nuovo in campo per l’ambiente con l’iniziativa “Puliamo il mondo”

| Scritto da Redazione
Cremona  Oleificio Zucchi al fianco di Legambiente per un mondo più pulito

Oleificio Zucchi, storica azienda cremonese produttrice di oli da oliva e oli di semi, rinnova il proprio impegno a tutela dell’ambiente affiancando Legambiente nell’iniziativa “Puliamo il mondo”, che vedrà la partecipazione attiva di scuole e volontari per liberare dai rifiuti e dall'incuria i parchi, i giardini, le strade e le piazze adiacenti agli istituti scolastici in molte località su tutto il territorio nazionale.

Il progetto è partito il 7 settembre con una votazione on-line sulla pagina Facebook Zucchi1810 e su zucchi.com, dove saranno caricate le foto delle 35 località candidate a “ripulire il mondo”. Il 22 settembre, grazie al supporto di Zucchi, gli studenti delle scuole delle prime 20 località che avranno ricevuto più like scenderanno in campo armati di guanti, scope e cestini, pronti a recuperare la bellezza del loro territorio.

Puliamo il Mondo è l'edizione italiana di Clean up the World, il più grande appuntamento di volontariato ambientale del mondo. Portata in Italia nel 1993 da Legambiente, che ne ha assunto il ruolo di comitato organizzatore, è presente su tutto il territorio nazionale grazie all’instancabile lavoro di oltre 1.000 gruppi di "volontari dell'ambiente", che organizzano l'iniziativa a livello locale in collaborazione con associazioni, aziende, comitati e amministrazioni cittadine.

Oleificio Zucchi, da tempo vicino a Legambiente nell’impegno per la sostenibilità, anche con una linea dedicata di prodotti “consigliati da Legambiente”, ha deciso di sostenere quest’iniziativa per dare il proprio contributo concreto al territorio e promuovere una cultura di rispetto dell’ambiente e senso civico, sottolineando l’importanza dei gesti quotidiani per un mondo più vivibile e salutare anche per le future generazioni.

497 visite

Articoli correlati